Shampoo per capelli grassi. Come scegliere il migliore? Tipologie, consigli e prodotti a confronto.

Qual è lo shampoo migliore per combattere i capelli grassi? Come scegliere quello adatto? Cerchiamo di rispondere a tutte queste domande per capire bene come contrastare l’ipersecrezione di sebo.

Shampoo per capelli grassi. Come scegliere il migliore? Tipologie, consigli e prodotti a confronto

    Indice Articolo:

  1. Cos'è?
  2. Tipologie
  3. Come sceglierlo?
  4. Prodotti a confronto
  5. Shampoo fai da te
  6. Consigli
  7. Approfondimenti

Capelli grassi: per fortuna c’è lo shampoo!

I capelli grassi sono tra i più fastidiosi inestetismi dei capelli e questo problema diventa spesso un vero e proprio nemico da combattere ad ogni costo. Probabilmente in molti conoscono la sgradevole visione dei capelli grassi, che appaiono unti e lucidi, spesso anche dopo poche ore dal lavaggio. Ma perchè? La nostre cute produce normalmente una quantità di sebo che è utilissima per proteggere la pelle e il cuoio capelluto dall’attacco di agenti esterni. Quando questa produzione diventa eccessiva, ecco che bisogna trovare un rimedio per far riapparire i capelli leggeri e sani.

Innanzitutto va sfatato il mito che i lavaggi frequenti favoriscano la produzione di sebo. E’ assolutamente il contrario. Il rimedio più efficace, contro i capelli grassi, è proprio un lavaggio frequente, che elimini parte del sebo in eccesso. L’azione più indicata è quella di lavare i capelli al mattino (le ghiandole sebacee lavorano soprattutto di notte), massaggiando la cute (in modo da favorire l’eliminazione dl sebo) con lo shampoo. E qui casca l’asino! Perchè questo procedimento sia valido, bisogna usare lo shampoo giusto!

Tipologie di shampoo per contrastare l’iper produzione di sebo.

Quando si presenta il problema dei capelli grassi, la prima cosa che vorremmo è risolverlo attraverso l’uso di un prodotto che agisca in maniera veloce e non aggressiva per contrastare la formazione dell’unto ed evitare dunque l’inestetica lucidità e pesantezza dei capelli. Lo shampoo contro i capelli grassi serve proprio a contrastare l’eccessiva produzione di sebo e rendere i capelli non solo meno unti, ma anche più leggeri e sani.

Non tutti gli shampoo destinati al contrasto dei capelli grassi agiscono però allo stesso modo e contengono le stesse sostanze, esistono varie tipologie di shampoo che con diversi meccanismi aiutano a contrastare il fastidioso inestetismo. Vediamo quali sono le più comuni:

  • shampoo all’ortica: gran parte dei prodotti contro i capelli grassi sono a base di ortica, una pianta che contiene dei composti policiclici dalla forte attività astringente e antisebo.

  • altre sostanze naturali: oltre all’ortica, esistono molte altre sostanze naturali che vantano una buona attività antisebo, grazie alla presenza di composti che aiutano a regolarne la secrezione. Tra queste ricordiamo la camomilla, il rosmarino, la salvia, la menta, l’argilla e le alghe marine. E’ dunque frequente trovare prodotti di varie marche a base di queste sostanze, che possono essere più o meno utili in base alla gravità del problema o delle caratteristiche personali.

  • shampoo medicale: acquistabile in farmacia, si tratta di un prodotto contenente principi attivi in grado di contrastare l’eccessiva secrezione di sebo; un esempio è rappresentato dallo shampoo a pH 5 a base di acido salicilico e catrame vegetale che, oltre a contrastare la produzione di sebo, ha anche un’attività antiforfora.

  • antiforfora: non sempre la forfora è legata alla presenza di capelli grassi (esiste anche la forfora tipica di una cute molto secca) ma in genere la presenza eccessiva di sebo rende l’ambiente del cuoio capelluto più soggetto alla formazione di forfora e croste. In questi casi è utile associare i trattamenti antiforfora a quelli classici per capelli grassi.

Puoi approfondire le caratteristiche dello shampoo antiforfora e come scegliere i prodotti migliori.

  • shampoo a secco: questa tipologia di shampoo contiene delle sostanze lipofile, cioè composti in grado di assorbire le particelle di grasso e di sporco e di rimuoverle dalla superficie dei capelli; generalmente sono a base di talco o amido di riso o di mais, vanno spruzzati ad una distanza di circa 30 cm e non necessitano di risciacquo.

  • shampoo dermatologico: è un tipo di shampoo specifico per un cuoio capelluto particolarmente sensibile e contiene composti che normalizzano la secrezione di sebo insieme a sostanze che combattono i radicali liberi, come le vitamine del gruppo B, utili per la normalizzazione del cuoio capelluto.

Le cause dei capelli grassi.

Si fa presto a dire “capelli grassi”! In realtà, ci sono varie cause all’origine di questo problema ed è utile conoscerle per poter trovare il rimedio più appropriato:

  • ormoni: molto spesso la causa dell’eccesso di sebo è principalmente ormonale, in particolar modo è la maggiore produzione dell’ormone DHT (diidrotestosterone) a partire dal testosterone che favorisce l’aumento di sebo, di solito con la comparsa anche di acne e una caduta cospicua dei capelli. La concentrazione di questo ormone aumenta soprattutto a causa di una iperattività genetica dell’enzima 5-alfareduttasi, responsabile della trasformazione di testosterone in DHT. In questo caso, oltre a rimedi esterni è spesso necessaria una cura, consigliata da uno specialista, che ripristini il corretto equilibrio ormonale.

  • alimentazione: in soggetti predisposti, anche l’alimentazione scorretta può influire sullo stato di salute dei capelli. Una dieta povera di vitamine e sali minerali può aggravare il problema dei capelli grassi, per questo motivo è consigliato assumere molta frutta e verdura fresca, per il giusto apporto di micronutrienti, ed evitare i cibi preconfezionati e ricchi di conservanti, dove di solito l’apporto vitaminico e di sali minerali è molto ridotto.

  • stress: come per moltissimi problemi che ci affliggono ai nostri giorni, anche in questo caso lo stress sembra avere un importante ruolo nella ipersecrezione di sebo. Influendo sugli equilibri del nostro organismo infatti, lo stress determina una maggiore produzione di sebo, sia a livello del cuoio capelluto che cutaneo e questo, insieme a smog e inquinamento, rappresenta una delle cause principali dei capelli grassi.

 

Qual è il migliore? Scopriamo come scegliere lo shampoo per capelli grassi più adatto a noi.

Così come i capelli grassi non sono tutti uguali, allo stesso modo uno shampoo efficace per una persona può non esserlo per un’altra. Proprio per la moltitudine di cause che possono portare alla formazione eccessiva di sebo nel cuoio capelluto, non è semplice scegliere lo shampoo più adatto. Bisogna innanzitutto comprendere la causa principale del problema e quindi ricercare il rimedio più adatto alle nostre esigenze.

  • Se, ad esempio, l’unico problema è lo stress, potrebbe bastare una maggiore accortezza nel lavaggio dei capelli e la scelta di uno shampoo per capelli grassi che abbia delle sostanze astringenti.

  • Quando invece le problematiche sono relative alla sfera ormonale, è necessario seguire una cura apposita e utilizzare uno shampoo come coadiuvante.

In ogni caso, anche quando è nota la causa principale può risultare difficile capire quale è lo shampoo più adatto, dato che in commercio ne esistono veramente tantissimi! In questo caso, bisogna in primo luogo escludere i prodotti che contengono siliconi o altri prodotti potenzialmente dannosi per il cuoio capelluto, escludere prodotti che contengono composti che possono dare reazioni di ipersensibilità e ricercare uno shampoo delicato ma efficace. Un’altra esigenza che può presentarsi, soprattutto tra le donne, è quella di combinare lo shampoo per capelli grassi a quello per capelli colorati. Di solito, i capelli tinti tendono ad essere molto secchi quindi chi soffre di secrezione eccessiva può trovarsi nella condizione di avere le radici estremamente grasse e le punto molto secche. In questo caso è possibile utilizzare degli shampoo antisebo non troppo aggressivi, con l’aggiunta di una maschera nutriente ed idratante da applicare sulle punte ad ogni lavaggio.

Per riassumere, indifferentemente da quali siano le cause dei capelli grassi, tre sono le parole d’ordine:

  • Leggerezza. Attenzione allo shampoo cremoso, oleoso o con la formula 2in1 per il balsamo. Sono tutti troppo pesanti!
  • Delicatezza. Il Ph dello shampoo adatto a capelli grassi deve essere abbastanza neutro. Questo perchè, a causa dei frequenti lavaggi, il cuoio capelluto è sottoposto ad uno stress che non deve essere aggravato dal sapone che utilizziamo.
  • Niente schiuma! I prodotti schiumogeni, infatti, tendono ad essere troppo ricchi per chi soffre di capelli grassi.

Insomma, i prodotti sono moltissimi e ne esistono davvero per ogni situazione ed esigenza; in alternativa, è possibile provare a creare a casa lo shampoo più adatto alle nostre esigenze!

I prodotti in commercio per lavare i capelli grassi.

Ecco un breve elenco delle più famose marche di shampoo che hanno una linea completa in cui si ritrova il prodotto atto a contrastare i capelli grassi.

  • Garnier: acquistabile in tutti i supermercati, offre un prodotto a base di argilla e cedro per le loro proprietà astringenti e purificanti.

  • L’Oreal: tra le marche più comuni di shampoo, ha ideato una linea adatta ai capelli grassi che oltre allo shampoo prevede anche un balsamo. Il prezzo è generalmente modico e si può trovare in tutti i supermercati.

  • Antica erboristeria: si tratta di uno shampoo a base di ortica, molto astringente e da alcuni considerato un po’ aggressivo ma comunque efficace per contrastare l’ipersecrezione di sebo.

  • Kerastase: lo shampoo per capelli grassi contiene l’acido salicilico ma anche alcuni tensioattivi aggressivi per il cuoio capelluto e agenti schiumogeni, che sarebbe preferibile evitare in caso di iperproduzione di sebo.

  • Bottega Verde: si tratta di una nota marca di prodotti per la cura del corpo, acquistabile sia presso i punti vendita, che per corrispondenza o ancora attraverso il commercio on line; si tratta generalmente di prodotti con ingredienti del tutto o in parte naturali e il loro prezzo è leggermente più elevato rispetto ai più comuni prodotti per capelli.

  • Bioscalin: per i capelli grassi, esiste il prodotto shampoo gel purificante, acquistabile in farmacia o nei reparti appositi nei più forniti supermercati. Le opinioni sono generalmente positive in quanto unisce l’efficacia anti-sebo ad una particolare formula delicata per il cuoio capelluto.

La magia del “fai da te”: ecco come fare uno shampoo anti-sebo.

Possiamo preparare un efficace shampoo contro i capelli grassi comodamente a casa e con ingredienti del tutto naturali. In natura, infatti, è possibile trovare sostanze con funzione astringente e sebo-regolatrice; è proprio con queste che si possono preparare gradevoli shampoo per contrastare i capelli grassi. Ecco alcuni esempi:

  • Menta: grazie alle sue proprietà disinfettanti, la menta può aiutare a contrastare l’eccessiva produzione di sebo. Per la preparazione dello shampoo basta far bollire un bicchiere di acqua con un paio di foglie di menta essiccata per un quarto d’ora circa; se si ha la disponibilità, si può aggiungere anche un po’ di salvia per aumentare gli effetti depurativi. Dopo la bollitura, filtrare il liquido e aggiungerlo a due tazze di shamopo neutro (senza saponi). Il nostro shampoo è pronto per l’uso e può essere anche conservato per un periodo più lungo.

  • Aceto e limone: secondo un’antica tradizione, il connubio aceto-limone ha una potente azione depurativa e disinfettante; può dunque essere aggiunto a del classico shampoo neutro per donare una maggiore azione pulente, molto utile contro i capelli grassi.

  • Farina di ceci: anche la farina di ceci ha un ottimo potere pulente in quanto assorbe e ingloba le particelle di grasso. Basta mettere un bel cucchiaio di farina di ceci all’interno di un flacone pulito, aggiungere 250 mL di acqua tiepida e due cucchiai di aceto, agitare il tutto e lo shampoo per capelli grassi è pronto per l’utilizzo.

Usare lo shampoo specifico per capelli grassi è sufficiente?

Purtroppo molte volte, il solo utilizzo dello shampoo, anche se è il più adatto alle nostre esigenze, non basta per combattere efficacemente e in maniera definitiva il problema dei capelli grassi. Ci sono alcuni semplici accorgimenti da tenere in considerazione per coadiuvare l’azione dello shampoo per capelli grassi o per evitare che il problema si ripresenti dopo poco tempo.

  • Non usare l’acqua molto calda, che apre i pori, ma preferire quella tiepida. Allo stesso modo è consigliabile asciugare i capelli al sole o evitare le alte temperature e tenere il phon ad una distanza minima di 20 cm.

  • Evitare di usare il balsamo, che a causa della sua composizione potrebbe aggravare il problema; in alternativa si può applicare il balsamo solo sulle punte dei capelli, per renderle più morbide e luminose, evitando il contatto con il cuoio capelluto.

  • Un altro aspetto da non sottovalutare è la pettinatura e l’asciugatura del capello: spazzole e pettini aggressivi possono far aumentare la quantità di sebo prodotta, proprio come un meccanismo di difesa attuato dal capello. Usare sempre spazzole morbide e pettinare dolcemente i capelli, iniziando a districare i nodi già durante il lavaggio e il risciacquo.

  • Non toccarsi spesso i capelli con le mani. Oltre a “sporcarli” di più, tende a distribuire il sebo in eccesso del cuoio capelluto su tutte le lunghezze.

Insomma, con un po’ di attenzione e seguendo alcuni piccoli accorgimenti è possibile combattere o comunque migliorare nettamente la condizione dei nostri capelli, per ridurre al minimo la produzione di sebo e avere sempre capelli naturali, sani e leggeri.

Supervisione: Collaboratori: Dott.ssa Delia Belluccia (Biologa-Nutrizionista) -Dott.sa Teresa Spadaro

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Shampoo per capelli grassi. Come scegliere il migliore? Tipologie, consigli e prodotti a confronto"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...