Rimedi naturali contro la cellulite.

Combatter la cellulite in modo naturale? E’ possibile.Vediamo quali sono i rimedi naturali a base di erbe drenanti consigliati dai naturopati per eliminare i liquidi in eccesso e quali i cibi che aiutano a migliorare la circolazione venosa e linfatica e quindi a contrastare questo disturbo che colpisce moltissime persone, in particolare donne, e che si manifesta con ritenzione idrica e formazione di cuscinetti di grasso.

Rimedi naturali contro la cellulite


    Indice Articolo:

  1. Quali sono?
  2. Fitoterapia
  3. Rimedi della nonna
  4. Tecniche alternative
  5. Alimentazione
  6. Approfondimenti

Quali sono i rimedi naturali per la cellulite?

I rimedi naturali per la cellulite comprendono tutte quelle preparazioni non farmacologiche e tutte quelle tecniche non mediche che possono aiutare a contrastare i sintomi ed alleviare il disturbo. In particolare per il trattamento degli inestetismi della cellulite si possono utilizzare:

  • Preparazioni fitoterapiche, ovvero erbe da assumere sottoforma di tintura madre, estratto secco o infuso, con effetto drenante.

  • Tisane composte, ovvero delle tisane a base di diverse tipologie di erbe che combinate tra loro potenziano l'effetto drenante.

  • Preparazioni omeopatiche sottoforma di granuli, che aiutano a ridurre la ritenzione idrica.

  • Rimedi della nonna, a base di fondi di caffè, limone, argilla e sale, per aiutare a sgonfiare le zone colpite ed a migliorare la circolazione.

  • Aromaterapia, che sfrutta l'azione degli oli essenziali applicandoli sottoforma di massaggio o aggiungendoli ad un bagno caldo.

  • Alimentazione, ponendo attenzione su ciò che si mangia, prediligendo frutta e verdura ed evitando cibi grassi e salati.

  • Agopuntura, in cui si applicano degli aghi in specifici punti del corpo.

Essendo rimedi naturali possono essere utilizzati da qualsiasi soggetto affetto da cellulite, dalle donne giovani a quelle in menopausa, da soggetti in cui la cellulite è associata ad obesità a soggetti in cui si associa a cattiva circolazione, e così via.

Approfondimento: che cos’è la cellulite?

La cellulite è una condizione indicata in medicina come panniculopatia edemato-fibro-sclerotica, ovvero un'alterazione del tessuto adiposo sottocutaneo in cui le cellule si trovano in uno stato di ipertrofia, sono cioè aumentate di volume. Questo aumento di volume delle cellule adipose determina un'alterazione del microcircolo ematico, con rallentamento del flusso sanguigno, e linfatico, con riduzione dell'eliminazione dei liquidi in eccesso. In conseguenza di questi due processi si instaura uno stato infiammatorio che porta alla formazione di ritenzione idrica, ristagno di liquidi, gonfiore ed alla comparsa degli antiestetici cuscinetti e della pelle a buccia di arancia. Si localizza prevalentemente su cosce e glutei, ma vi sono casi di cellulite anche su polpacci, braccia e gambe.

Approfondisci gli stadi della cellulite.

Rimedi fitoterapici.

I rimedi fitoterapici per la cellulite comprendono tutte le preparazioni a base di erbe e le tisane specifiche che aiutano a drenare i liquidi e a favorire quindi la circolazione linfatica, attenuando il gonfiore e migliorando il microcircolo.

Le preparazioni fitoterapiche per la cellulite possono essere assunte sottoforma di estratto secco, tintura madre o infusi, e tra le erbe maggiormente consigliate dagli esperti troviamo:

  • Amamelide: da utilizzarsi per la sua azione vasoprotettrice nei confronti dei vasi sanguigni del microcircolo conferitale dai suoi principi attivi tra cui acido amamelitannico, composti triterpenici e flavonoidi. Si può consumare sottoforma di infuso (un cucchiaio di foglie da porre in infusione in una tazza di acqua bollente per circa 10 minuti, filtrare e bere due volte al giorno lontano dai pasti) o di tintura madre (40 gocce, due volte al giorno, lontano dai pasti).

  • Gambo d'ananas: il gambo dell'ananas contiene un importantissimo principio attivo, la bromelina, che ha proprietà decongestionanti ed antinfiammatorie e stimola il riassorbimento dei liquidi in eccesso e la riduzione degli edemi. Si usa prevalentemente sottoforma di estratto secco, con una dose massima di 800 - 1000 mg al giorno da assumere in due somministrazioni lontano dai pasti.

Approfondisci le proprietà dell'ananas.

  • Centella asiatica: contiene fitosteroli, acidi triterpenici, tannini, flavonoidi e saponine triterpeniche, tra cui asiaticoside, acido asiatico e madecassoside che le conferiscono proprietà flebotonica, ovvero aiutano a mantenere la tonicità dei vasi sanguigni. Può essere usata sottoforma di infuso (un cucchiaio di foglie da lasciare in infusione per dieci minuti in acqua bollente, successivamente filtrare e bere due volte al giorno lontano dai pasti), tintura madre (80 gocce da sciogliere in un litro d'acqua da sorseggiare durante la giornata) o estratto secco (in capsule da massimo 800 mg).

Puoi scoprire le proprietà della centella asiatica.

  • Foglie di betulla: hanno azione depurativa e diuretica grazie a principi attivi quali leucoantocianidine, ossidi sesquiterpenici, flavonoidi, acido clorogenico ed acido betulinico. Si assume sottoforma di tintura madre (80 gocce in 1,5 litri di acqua da sorseggiare durante la giornata) o infuso (un cucchiaio di foglie da tenere in infusione per dieci minuti in acqua bollente, filtrare e bere un paio di volte al giorno).

  • Pilosella: è una pianta che ha una potente azione diuretica e favorisce l'eliminazione dei liquidi in eccesso grazie a principi attivi quali acidi polifenolici, tra cui acido caffeico e acido clorogenico, flavonoidi, tra cui luteoside, cumarine, tra cui umbelliferone, e tannini. Si assume, lontano dai pasti, sottoforma di estratto secco (da 500 a 750 mg due volte al giorno), tintura madre (30 - 40 gocce due volte al giorno) o infuso (un cucchiaio di parti aeree di pilosella da tenere in infusione in una tazza d'acqua bollente per 10 minuti, filtrare e bere un paio di volte al giorno).

Puoi approfondire proprietà e controindicazioni della pilosella.

  • Meliloto: contiene numerosi principi attivi tra cui il più importante è il melilotoside, in quale esercita un'azione drenante sul sistema linfatico ed aiuta quindi ad eliminare i liquidi in eccesso. Si utilizza, lontano dai pasti, sottoforma di tintura madre (30 - 40 gocce due volte al giorno), infuso (un cucchiaio di foglie in una tazza di acqua bollente da lasciare in infusione per 10 minuti, e poi filtrare e bere due volte al giorno) o di estratto secco (dose massima 500 - 600 mg in due somministrazioni giornaliere).

  • Ribes nigrum: contiene numerosissimi principi attivi ma, quelli utili per contrastare la cellulite, sono contenuti nelle foglie e sono triterpeni e polifenoli. Si utilizza sottoforma di tintura madre (30 gocce due volte al giorno lontano dai pasti) o di infuso (due cucchiaini di foglie in una tazza d'acqua bollente, lasciare in infusione una decina di minuti, filtrare e bere due volte al giorno lontano dai pasti).

Approfondisci le caratteristiche del ribes nigrum.

  • Edera: contiene ederina, acido clorogenico, flavonoidi ed acido caffeico ed ha azione vasocostrittrice ed antinfiammatoria. Si utilizza sottoforma di lozione per fare gli impacchi, la lozione si prepara facendo bollire 5 g di foglie secche o 10 g di foglie fresche in un litro d'acqua per un quarto d'ora circa e successivamente filtrando il tutto. Con il liquido ottenuto si imbeve del cotone e si applica per 15 - 20 minuti sulla parte interessata, aiutandosi con della pellicola per mantenere in sede il cotone imbevuto.

  • Ortosifon: chiamato anche tè di Giava, questa pianta ha proprietà diuretiche grazie alla presenza di timolo, sapofonina, glucoside ortosifonina, limonene e borneolo. Si assume come estratto secco (300 - 500 mg da una a tre volte al giorno) infuso (massimo 6 - 12 g al giorno da porre in infusione in acqua bollente per dieci minuti, successivamente filtrare e bere) o tintura madre (50 gocce 3 volte al giorno).

  • Tarassaco: è una pianta depuratrice, antinfiammatoria e diuretica grazie al suo contenuto di alcoli triterpenici, inulina, steroli, e principi amari tra cui la tarassacina. Si utilizza, lontano dai pasti, sottoforma di estratto secco (500 - 750 mg al giorno in due somministrazioni), infuso (un paio di cucchiaini da porre in infusione in acqua bollente per dieci minuti, filtrare e bere due volte al giorno) o tintura madre (50 gocce tre volte al giorno).

Tisane composte.

Le tisane composte sono rappresentate da una miscela di erbe specifiche per il trattamento della cellulite. Tra quelle maggiormente efficaci possiamo citare:

  • Tisana a base di betulla, spirea e fucus, da prepararsi combinando le tre piante in parti uguali (sarà l'erborista a consigliare la dose adatta alle proprie esigenze). Si consiglia di far sobbollire l'acqua e di aggiungere la miscela di erbe, lasciare in infusione per una decina di minuti e dopo filtrazione bere la tisana fino a 4 volte al giorno.

  • Spirea, frassino e ribes nero, da prepararsi miscelando le erbe in parti uguali (chiedere consiglio all'erborista). Si porta l'acqua ad ebollizione, si aggiungono le erbe e si lascia il tutto in infusione per 10 minuti, successivamente filtrare e bere un paio di volte al giorno.

  • Foglie di fragola, marrubio e vite rossa, da prepararsi con il 30% di foglie di fragola, il 30% di vite rossa ed il 40% di marrubio. Portare l'acqua ad ebollizione, aggiungere le erbe, lasciar riposare per dieci minuti, filtrare e bere un paio di volte al giorno.

Rimedi casalinghi.

I rimedi casalinghi sono rappresentati dai cosiddetti rimedi della nonna, ovvero tutti quei rimedi della medicina non ufficiale che aiutano a contrastare gli inestetismi della cellulite.

Quelli ritenuti maggiormente efficaci per trattare gli inestetismi legati alla presenza di cellulite, e che spesso sono anche utili per ridurre le eventuali smagliature presenti sulle zone da trattare, sono:

  • Mantenere una buona idratazione dell'organismo bevendo almeno 2 litri di acqua al giorno e prediligendo acque a basso contenuto di sodio, che aiutano a drenare i liquidi e favoriscono la diuresi.

  • Fare un impacco utilizzando i fondi del caffè per sfruttare l'azione della caffeina sul metabolismo dei grassi (la caffeina è da sempre considerata una sostanza "brucia grassi"). Per realizzare l'impacco bisogna miscelare i fondi del caffè con dell'olio di oliva o del miele, mescolare bene il tutto fino ad ottenere una consistenza omogenea ed applicare direttamente sulla parte da trattare massaggiando. Avvolgere la parte da trattare nella pellicola trasparente e mantenere in posa per circa mezz'ora.

  • Realizzare un impacco all'ananas, per sfruttare la bromelina in essa contenuta. Si prendono 3 - 4 fette di ananas, le si frullano e si aggiunge la radice di rusco (un cucchiaino), il composto si applica poi sulla zona da trattare per una ventina di minuti.

  • Fare uno scrub con del sale grosso per sfruttare il processo di osmosi (secondo cui l'acqua passa da un ambiente meno concentrato di soluti, in questo caso i liquidi accumulati all'interno, ad un ambiente più concentrato, in questo caso il sale applicato all'esterno del corpo). Lo scrub si prepara con 4 cucchiaini di sale e sei gocce di olio essenziale di limone, si miscela bene il tutto, si applica con sulla zona da trattare la quale si avvolge poi in una benda. Una volta applicata la benda si inizia a massaggiare delicatamente.

  • Eseguire un massaggio con un limone, che contiene acido citrico e flavonoidi i quali aiutano sia a livello antinfiammatorio che a livello della permeabilità dei vasi capillari (riducono la fuoriuscita di liquidi ed il conseguente ristagno). Il massaggio si esegue tagliando a metà il limone e strofinandolo energicamente sulle zone da trattare.

  • Fare dei fanghi a base di argilla verde, utile contro le infiammazioni e la ritenzione idrica. I fanghi si preparano miscelando una tazza di argilla verde con un cucchiaino di olio di oliva, qualche goccia di olio essenziale di limone ed una quantità di acqua tale a rendere l'impasto pastoso e spalmabile. Una volta preparato l'impasto si applica sulla zona da trattare, si avvolge il tutto con della pellicola trasparente e si lascia in posa per almeno mezz'ora.

Altri rimedi naturali.

Tra gli altri rimedi naturali che secondo la medicina alternativa risultano utili per trattare la cellulite ed i suoi inestetismi vi sono le preparazioni omeopatiche, l'aromaterapia, le sedute di agopuntura e una certa attenzione all'alimentazione. Entrando in dettaglio:

  • L'omeopatia in caso di cellulite interviene con delle preparazioni che aiutano ad eliminare i liquidi in eccesso ed a evitarne il ristagno. In particolare risultano utili Thuya, alla concentrazione 5, 7,9 o 30 CH con una posologia variabile in base ai casi, e un insieme di Badiaga 5 CH, Pulsatilla 5 CH e Bovista 5 CH, e se ne prendono di ognuno5 granuli due volte al giorno.

  • L'aromaterapia sfrutta gli oli essenziali per drenare i liquidi in eccesso e stimolare la circolazione. Gli oli possono essere utilizzati per fare un massaggio o essere aggiunti ad un bagno caldo, e quelli da preferire sono gli oli essenziali di limone, rosmarino, betulla e sedano. Tutti questi oli essenziali esercitano un'azione drenante, depurativa ed inoltre migliorano la circolazione linfatica e venosa.

  • La medicina cinese agisce mediante l'agopuntura, una tecnica che prevede di applicare degli aghi in determinati punti per curare il problema. Per quanto riguarda la cellulite si eseguono solitamente delle sedute 30 - 60 minuti, con un numero di aghi variabile da 2 a 9, ed è necessario fare almeno dieci sedute. Gli aghi si applicano in punti diversi in base ai singoli casi e sarà il medico a stabilire dove applicarli.

 Alimentazione e cellulite.

Per quanto riguarda l'alimentazione vanno evitati o limitati tutti gli alimenti ricchi di sale e di grassi come per esempio:

  • le carni ed i pesci in scatola,

  • le carni ed i pesci affumicati,

  • le preparazioni contenenti glutammato di sodio,

  • i formaggi grassi e fermentati,

  • i condimenti grassi e la maggior parte dei prodotti confezionati o pronti. Questo perchè il contenuto di sale e di grassi peggiora sia l'accumulo di liquidi che l'aumento di volume del tessuto adiposo e quindi accentua i sintomi della cellulite.

Sono da prediligere invece alimenti come frutta e verdura, ricchi di vitamine, antiossidanti e acqua, che aiutano a ridurre il gonfiore e favoriscono l'eliminazione dei liquidi.


Supervisione: Maria Grazia Cariello Collaboratori: Dott.sa Margherita Mazzola (Biologa - Nutrizionista) - Dott.sa Francesca Vassallo

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.