Punti neri sul viso

I punti neri sul viso, come gran parte degli altri inestetismi cutanei, sono legati a squilibri ormonali, e sono in genere tipici dell’età adolescenziale.

A cosa sono dovuti i punti neri sul viso.

I punti neri sul viso, proprio come l’acne sono legati ad una produzione eccessiva di testosterone ed altri ormoni sessuali, non bisogna però pensare che chi ha la tendenza alla formazione dei punti neri sia per forza un soggetto a rischio acne.

Comedoni aperti e comedoni chiusi.

I punti neri sono conosciuti anche come comedoni aperti; al riguardo, va detto che i comedoni chiusi, ovvero gli accumuli di sostanze oleose, sebo e cheratina, sono da considerarsi quasi normali e sono presenti in molti bulbi piliferi. Quando però il contenuto diventa eccessivo questo provoca l’apertura del comedone trasformandolo in quello che viene comunemente indicato come punto nero.

Naturalmente questa rottura avviene con maggiore facilità nelle zone in cui la pelle è più grassa, come ad esempio il naso, le guance, il mento ed in misura minore la schiena. Il fatto che dopo la rottura il comedone assuma in superficie quel classico colore scuro non è legato, come erroneamente si tende a credere, ad una scarsa igiene, ma semplicemente alla formazione della melatonina.

Detersione e pulizia del viso.

Per la prevenzione e la cura dei punti neri sul viso, assume grande importanza la detersione e la pulizia. L’igiene è essenziale per evitare aggressioni batteriche che facciano degenerare ulteriormente i punti neri, non mancando di utilizzare cosmetici adatti alla qualità della propria pelle.

Prodotti neutri per pelle grassa.

La formazione di punti neri sul viso, in linea di massima è indice di pelle grassa, per cui è necessario usare detergenti neutri e poco aggressivi, nonché creme e trucchi poco grassi; pulire a fondo il viso dai residui di trucco e degli agenti esterni, cui è stato esposto durante la giornata, è una regola basilare per prevenire la formazione dei punti neri.

Periodica pulizia dall'estetista.

Sebbene sia quasi banale, è opportuno ricordare che non bisogna assolutamente cercare di schiacciare i punti neri, si rischia di aumentarne l’evidenza, provocando infiammazioni se non addirittura antiestetiche cicatrici. Periodicamente, può essere opportuno invece effettuare una pulizia da un estetista, in modo da rimuoverli in sicurezza e tranquillità.