Integratori termogenici e brucia grassi: come funzionano? Fanno dimagrire? Caratteristiche e controindicazioni.

Gli integratori termogenici sono quelli che, provocando un aumento della temperatura corporea, portano ad un maggiore consumo di lipidi da parte dell’organismo, motivo per cui sono conosciuti anche come brucia grassi. Ma come funzionano? Fanno dimagrire? Scopriamo di più su questi prodotti e sulle erbe che li compongono.

Integratori termogenici e brucia grassi: come funzionano? Fanno dimagrire? Caratteristiche e controindicazioni

    Indice Articolo:

  1. Caratteristiche
  2. Come funzionano?
  3. Da cosa sono composti?
  4. Fanno dimagrire?
  5. Controindicazioni
  6. Consigli per la scelta
  7. Approfondimenti

Cosa sono gli integratori termogenici o brucia grassi?

Gli integratori termogenici sono quelli che, provocando un aumento della temperatura corporea, portano ad un maggiore consumo di lipidi da parte dell’organismo, motivo per cui questo tipo di integratori sono conosciuti anche come brucia grassi e vengono utilizzati soprattutto da chi vuole cercare di dimagrire velocemente.

Affacciarsi la prima volta nel vasto mondo degli integratori vuol dire spesso trovarsi di fronte a innumerevoli prodotti, perdersi in questo mare, senza sapere cosa e dove guardare.

Cominciamo col fare un po’ di chiarezza: anzitutto gli integratori si possono distinguere in:

  • brucia grassi farmacologici come le anfetamine, ormoni tiroidei, ormoni gh, che vanno assunti sempre dopo prescrizione medica e spesso risultano illegali.

  • brucia grassi naturali, che derivano da erbe, venduti liberamente senza prescrizione medica, ma non per questo bisogna sottovalutarne gli effetti. Da cosa sono composti? Caffeina, arancio amaro, the verde, guaranà, erba mate, sineferina. Ovviamente a seconda dell’integratore ci saranno una o più di queste sostanze, a percentuali differenti.

Lo sapevate che in commercio non esistono solo gli integratori brucia grassi?

Infatti oltre a questa categoria di integratori esistono anche:

  • riduttori dell’assorbimento di grassi

  • riduttori dell’assorbimento di zuccheri

  • integratori che aumentano stimolo sazietà

  • integratori che riducono stimolo della fame

Come funzionano questi prodotti?

Abbiamo detto che gli integratori brucia grassi innalzano il metabolismo. Ma in che modo? Essi vanno ad agire sulla termogenesi, ovvero la capacità che ha il corpo di produrre calore, bruciando così più energie. Il processo a livello fisiologico su cui vanno ad agire è la fosforilazione ossidativa, quel processo molecolare che avviene nella cellula, grazie al quale si crea ATP, la molecola che ci dà energia. Inoltre vanno ad agire sui processi metabolici di adipolisi, ovvero quei meccanismi di scomposizione delle riserve di grasso, per formare substrato energetico sempre disponibile sottoforma di ATP, ovvero la molecola dell’energia.

Da cosa sono composti gli integratori termogenici?

Vediamo quali sono le sostanze che compongono questi integratori.

Leggiamo sempre attentamene la composizione, tenendo presente che composti come l’efedra e la yohimbina sono state vietate, perché considerate dannose per la salute.

Le sostanze naturali più comuni che favoriscono la metabolizzazione dei grassi sono invece:

  • Caffeina: stimola il sistema nervoso simpatico, aumentando la combustione dei grassi, con effetto termogenico. Oltre al caffè, anche il tè rosso ne contiene buone quantità.

  • Tè verde: è ricco in polifenoli che aumentano il metabolismo ed eliminano il colesterolo. Riesce a mobilitare il 30% del grasso in più per produrre energia, e, tra le altre cose, il the verde è un potente antiossidante con effetto anti-age.

  • Focus o quercia marina: è un alga che ritroviamo nell’oceano Atlantico, soprattutto sulla Manica, contiene molto iodio che stimola la tiroide e quindi agisce sui processi metabolici. Ha anche una funzione drenante. In particola la fucoxantina, carotenoide presente nelle alghe, secondo studi effettuati sui topi aumenterebbe la termogenesi, ma non sono stati fatti studi validi sugli uomini.

  • Arancio amaro o citrus aurentium: di origine cinese, contiene sinefirina, che va ad agire a livello nervoso per stimolare i processi ossidativi. Il Ministero della Sanità ha posto dei limiti sulla quantità di molecola presente nell’integratore, anche se non si è avuto ancora nessun riscontro oggettivo sulla sua tossicità.

  • Coleus forskohlii: ha grandi effetti anticatabolici, abbassa il consumo di tessuto muscolare usato come fonte di energia, nelle diete a basso contenuto calorico.

  • Il Chitosano: proteina ottenuta dallo scheletro dei crostacei si lega ai grassi impedendo che essi si accumulino nell’organismo.

  • Il Cromo Picolinato: usato per diabetici obesi, ha riportato molti risultati positivi per mantenere ottimali i livelli ematici di insulina. Questa molecola consente l’assorbimento dei carboidrati, ovvero degli zuccheri complessi di pasta e pane e quelli semplici della frutta, e permette una significativa perdita di grasso per l'uomo.

  • La Glutammina: può aumentare il consumo di grasso e il ritmo metabolico. In uno studio da Iowa State University (Ames), test di soggetti che hanno preso glutammina nella colazione hanno visto aumentato il numero di calorie e la quantità di grassi bruciati per produrre energia. Inoltre, la glutammina è efficace per rafforzare il GH (ormone della crescita) che influenza lo sviluppo muscolare.

  • Gli Omega 3: acidi grassi essenziali che non siamo ingrado di produrre, sono presenti nelle alghe marine e nel pesce i tipo azzurro. Secondo una ricerca della Virginia Commonwealth University (Richmond), gli omega 3 non permettono che i grassi introdotti dalla dieta vengano assorbiti. Inoltre mantengono in salute il cervello.

Approfondisci benefici e controindicazioni degli integratori di omega 3.

  • L’ acido linoleico coniugato o CLA: riduce il grasso corporeo, ma mantiene intatta la massa muscolare.

  • Acido pantotenico: o vitamina B5, è idrosolubile ed ubiquitaria, ma principalmente la possiamo trovare nei semi come quelli di girasole, nella crusca e nei fegatini. E’ utilizzato per formare energia dai carboidrati.

  • Niacina o viamina B3: la troviamo nelle carni e nel lievito di birra, aiuta a convertire i carboidrati in glucosio semplice, per produrre energia.

  • Garcinia cambogia: è una pianta di origine indonesiana, ha una concentrazione importante di acido idrossicitrico che fa in modo che gli zuccheri introdotti con la dieta, siano subito utilizzati per fare energia. In più induce un notevole senso di sazietà.

  • Il guaranà: pianta che si può trovare nella foresta Amazzonica contiene teofillina, caffeina e teobromina. Tra le altre azioni è antianemico, anti influenzale, analgesico, diuretico, antidiaroico e perfino afrodisiaco.

  • L’alga kombu: è povera di sodio ma ricca di iodio, va a stimolare così la tiroide, ghiandola fondamentale per il funzionamento del metabolismo. Quest’ alga è ricca di clorofilla, che consente di avere un’azione detossificante e immunostimolante. Ne è sconsigliato l’uso in gravidanza ed allattamento e per grandi periodi di tempo.

  • L’alga Hiziki: oltre ad avere un buon contenuto di iodio, ha elevate quantità di ferro e calcio. Sono ottime per sgonfiare la pancia.

Discorso a parte va fatto per il caffè verde, che contiene livelli altissimi di acido clorogenico, un polifenolo importante con importanti capacità antiossidanti. Negli anni si è sviluppata, dopo la diffusione di notizie sbagliate l’idea che questo polifenolo potesse agire sul metabolismo del fegato, e bruciare i grassi. In realtà uno studio condotto dall’University of Western Australia, ha dimostrato che l’acido clorogenico, non ha alcuna capacità di bruciare i grassi. Quindi la moda che si è sviluppata negli ultimi anni non ha alcuna validità scentifica.

Approfondisci i benefici del caffè verde.

I bruciagrassi fanno davvero dimagrire?

L’errore più comune è pensare che la sola assunzione di questi prodotti sia miracolosamente la risposta a tutti i problemi di peso.

In realtà non c’è niente di più sbagliato! Nessun integratore può essere considerato come sostituto di una dieta varia ed equilibrata. Quindi per ottenere dei risultati è necessario abbinare gli integratori termogenici ad un regime dietetico ipocalorico e al “brucia grassi” migliore, l’attività fisica, che aumenta la lipolisi e il metabolismo senza controindicazioni.

Gli effetti degli integratori spesso vengono esaltati a fini commerciali, quindi è sempre meglio informarsi per non sprecare tempo e soldi ma soprattutto per non arrecare danni alla propria salute.

Il mito del bodybuilding e la carnitina.

Uno degli integratori bruciagrassi più utilizzato dai bobybuilder è quello a base di carnitina. Questa molecola favorisce l’arrivo dei acidi grassi ai mitocondri, sede in cui vengono utilizzati per produrre energia. La carnitina normalmente, è prodotta dal fegato e dai reni, e si trova nelle carni rosse. Grazie a questo integratore si riesce a massimizzare la produzione di ATP, si riesce a ridurre la produzione di acido lattico; inoltre la carnitina migliora i tempi di recupero di allenamenti intesi, secondo lo studio del gruppo del dr.Volek nel 2002.

Questo tipo di integratore risulta essere privo di effetti indesiderati di grande impatto. La sua assunzione orale a volte può causare effetti collaterali di minore portata quali: bruciore di stomaco, nausea. Da precisare però, che le dosi non devono mai superare i 2 g giornalieri, che corrispondono al livello fisiologico di saturazione.

E’ consigliato assumerla 30-40 minuti prima dell’attività fisica, in modo da accelerare il processo di brucia grassi durante l’attività fisica.

Questi integratori fanno male? Le controindicazioni.

Abbiamo ripetuto più volte che questi integratori possono essere dannosi. Ma come mai? Quali sono gli effetti collaterali?

Effetti indesiderati si possono avere una volta superate le dosi consigliate, ovviamente dipende dalla sensibilità individuale, e dal contesto in cui l’individuo vive: come si nutre, lo stile di vita. Tra gli effetti collaterali più comuni abbiamo:

  • ipertensione

  • cefalea

  • nausea

  • tachicardia

  • vomito

  • problemi cardiovascolari di diverso tipo

  • ictus

  • convulsioni

  • infarto del miocardio

Ricordiamo che questi effetti ci sono perché questi integratori vanno ad agire sul metabolismo e sul sistema nervoso centrale, ma non solo, sono anche capaci di far aumentare la pressione, accelerare il battito cardiaco e la circolazione, il passo per una complicanza può essere davvero breve! Per queste ragioni, anche se si tratta di prodotti naturali, apparentemente innocui, è sempre meglio andarci cauti e non prenderli sottogamba.

I bambini, gli anziani, le donne in gravidanza, i cardiopatici, chi ha problemi renali, non dovrebbe assumere integratori termogenici, o qualsiasi altro integratore che va ad agire sul metabolismo.

Vediamo ora alcuni consigli utili per la scelta e l’acquisto di questi supplementi alimentari.

Quali integratori termogenici scegliere per mantenersi in forma?

Un aiuto efficace per perdere centimetri su fianchi e gambe sono gli integratori alimentari naturali sotto forma di tisane a base di erbe. Forse a molti la sola parola invoca calore, ma non temete, anche in estate si possono gustare ottime tisane fredde e tiepide. Le erbe naturali, che sono alla base di queste tisane, hanno un effetto depurativo e diuretico. Tra le diverse erbe consigliamo:

  • L’ortosiphon: sgonfia la zona fianchi, depura reni e fegato;

  • Il tarassaco: è anche esso un buon diuretico e depurativo per il fegato, inoltre aiuta a contenere i livelli di trgliceridi e colesterolo nel sangue.

Due tisane da provare:

  • tiglio ed erbe amare: miscelare 20g di tiglio con: 20g di cicoria, 15g di rabarbaro e 15g di malva, 20g di cicoria.

  • equiseto, arancia e liquirizia: unire a 20g di equiseto, 20g di arancia amara, 10g di liquirizia, 5g di menta peperita.

Se risultano troppo amare le tisane evitare di zuccherare e preferire sempre il miele.

Qual’è il prezzo di questi prodotti e dove acquistarli?

Non essendo farmaci, gli integratori brucia grassi alle erbe possono essere acquistati in: erboristerie, farmacie e parafarmacie, ma anche supermercati e nel vastissimo mercato on line. Il fatto che non siano farmaci, non impone a questi prodotti la stessa trafila di controlli rigorosi, possono essere venduti senza che ne sia dimostrata l’efficacia e la sicurezza. Il prodotto una volta messo in commercio è sottoposto al controllo di sicurezza nazionale ed internazionale e solo in un secondo momento, qualora fossero riscontrate anomalie, gli organi di controllo possono proibirne la vendita.

Si possono trovare soluzione in capsule, ma anche liquide. I prezzi sono dei più disparati, a seconda del tipo di prodotto e della quantità. Per una confezione di capsule si possono spendere anche 30- 50 euro. Questi numeri parlano chiaro: è evidente che ci sia un enorme lucro dietro a questi prodotti.

Capirete, dunque, che è tutto basato sulla coscienza personale. Chiedete consiglio al vostro medico e non credete alle soluzioni miracolose offerte dal marketing. L’informazione, in questo caso, è la migliore assicurazione per la vostra salute.

E voi lettori cosa pensate in merito agli integratori termogenici o brucia grassi? Li avete mai utilizzati? Raccontateci la vostra esperienza!

Supervisione: Maria Grazia Cariello Collaboratori: Dott.sa Claudia Comune (Laurea in Biologia) - Dott.sa Francesca Vassallo

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Integratori termogenici e brucia grassi: come funzionano? Fanno dimagrire? Caratteristiche e controindicazioni"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...