Diete last minute.

Il termine diete last minute potrebbe quasi essere considerato un ossimoro. Dieta significa stile di vita, ed è difficile da un punto di vista concettuale, far conciliare questo significato con quello di ultimo minuto.

Diete last minute

    Indice Articolo:

  1. Cosa sono
  2. Alcune diete last minute
    1. Dieta urto
    2. Dieta del panino
    3. Dieta del frullato
  3. Dieta last minute equilibrata
    1. Cibi consigliati
    2. Cibi da evitare
    3. Dieta da 1200 kcal
    4. Integratori
  4. Rischi delle diete last minute
  5. Per chi sono adatte
  6. Per chi invece sono sconsigliate
  7. Approfondimenti

Questo tipo di diete oggigiorno però sono conosciutissime e diffusissime, in quanto lo stesso termine dieta ormai sembra aver perso il suo significato originario e viene quasi sempre utilizzato come sinonimo di dieta dimagrante, il che, unito al fatto che viviamo nella società dell’apparire, sempre più consumistica e viziata, abituata ad ottenere tutto e subito, fa si che le diete che promettono significative perdite di peso in tempi ristrettissimi riscuotano un successo enorme. Tutto questo naturalmente a discapito della nostra salute fisica e nei peggiori dei casi anche mentale. Naturalmente non tutte le diete sono cosi catastrofiche, non è possibile infatti esprimere un giudizio universalmente valido per tutte le diete last minute, ed anzi in alcuni casi, se seguite per periodi brevissimi, ad esempio come diete disintossicanti dopo le feste di Natale, possono addirittura apportare dei benefici. Esaminiamo i tipi principali di diete last minute, la dieta del panino, la dieta urto e la dieta del frullato, spiegandovi quale secondo noi è la soluzione migliore. Bando però alle diete troppo drastiche! La parola d’ordine è tornare in forma rapidamente ma senza spossatezza e con il minimo sacrificio.

Come agiscono le diete last minute.

Le diete last minute sono, come dice il termine, diete dell’ultimo minuto, ovvero regimi alimentari ipocalorici che ci permettono di perdere alcuni chili in poco tempo. Sono particolarmente indicate per prepararci in tempi rapidi per la prova costume o per rimetterci in forma dopo gli eccessi alimentari tipici delle vacanze. Tra le diete last minute più famose troviamo la dieta del panino, la dieta del frullato e la dieta urto, che seppure nella loro diversità, agiscono sfruttando lo stesso metodo:

  • bruciando prima gli zuccheri e poi i grassi depositati nel tessuto adiposo,
  • riducendo i gonfiori ed eliminando i liquidi (sia quelli legati al glicogeno muscolare sia quelli in eccesso nella massa grassa).

Alcune diete last minute.

Ma passiamo in rassegna alcuni esempi di diete last minute con i relativi vantaggi e svantaggi.

Dieta urto.

È la dieta last minute ideata dal prof. Migliaccio, dura 3 giorni e si compone di due fasi: il primo giorno più drastico a base di sola frutta, come tale o frullata con l’aggiunta di latte, e gli altri due meno drastici in cui si possono mangiare a pranzo e cena carne e pesce, verdura e piccolissime quantità di pane (40 g). Ecco un esempio:

Primo giorno

Colazione

Latte parzialmente scremato + un frutto.

Spuntino

Un ghiacciolo alla frutta.

Pranzo

Macedonia di frutta 200 g.

Spuntino

Un ghiacciolo alla frutta.

Cena

Macedonia di frutta a piacere.

Secondo e terzo giorno

Colazione

Latte parzialmente scremato + una fetta biscottata con un velo di marmellata.

Pranzo

Pesce di qualsiasi specie 150 g (non fritto) + una razione abbondante di verdura + pane integrale 40 g.

Cena

Carne 130 g + una razione abbondante di verdura + pane integrale 40 g.

Il primo giorno l’alimentazione è composta quasi esclusivamente da frutta, il che vuol dire molta acqua, vitamine, sali minerali ma troppi zuccheri semplici. Il secondo e il terzo giorno si ritorna ad un’alimentazione quasi normale se non fosse per il fatto che l’olio non è incluso e la quantità di pane consentita è modestissima.

Dieta del panino.

Se avete una particolare predilezione per il panino e/o non avete tempo per cucinare a casa, ecco un’ottima soluzione per fare la dieta last minute con un panino, pratica anche in ufficio, da fare per 7 giorni. In pratica, uno dei due pasti principali, pranzo o cena, viene fatto con un panino da 70 g con carne o pesce o salumi (magri). Quindi una giornata alimentare tipo potrebbe essere così composta:

Colazione

Latte parzialmente scremato 200 g + 4 fette biscottate.

Pranzo

Un panino di segale da 70 g con 50 g di arrosto di tacchino e due fette di pomodoro + un frutto,

oppure un panino di segale da 70 g con 100 g di tonno al naturale e un cetriolo + un frutto.

Cena

70 g di pasta + 2 uova sode + una razione abbondante di verdura + un frutto + un cucchiaio di olio per tutto il pasto.

E’ un modello di dieta pratico anche per chi pranza fuori e si avvicina molto all’alimentazione abituale; dato che le quantità di alimenti proposta è maggiore che nelle altre diete, la perdita di peso sarà più lenta (7 giorni) ma con minori sacrifici. Per fare della dieta del panino una dieta completa, è utile aggiungere al panino del pranzo una porzione abbondante di verdura, che ci aiuta ad aumentare il senso di sazietà.

Dieta del frullato.

Si basa sull’assunzione di frullati preparati prevalentemente con frutta e latte parzialmente scremato. Sono previsti anche frullati preparati aggiungendo al latte il caffè o un cucchiaino di cacao in polvere. La dieta del frullato va fatta per 2-3 giorni.

Colazione

Frullato al caffè preparato con 100 ml di latte parzialmente scremato + una tazzina di caffè + 2 cucchiaini di zucchero + 2 bicchieri di ghiaccio tritato + un cucchiaio di liquore dolce.

Pranzo

Frullato alla frutta con 250 ml di latte parzialmente scremato + due albicocche + mezza papaya.

Cena

Frullato alla frutta con 250 ml di latte parzialmente scremato + mezza banana + 150 g di fragole.

E’ una soluzione piacevole e rinfrescante nella calura estiva. Dura poco solo 2 o 3 giorni, quindi può essere fatta anche nel week-end ma esclude tutti i cibi salati, ci si nutre esclusivamente di latte e frutta.

Diete last minute con intelligenza.

L’ideale è una dieta last minute equilibrata che eviti una riduzione troppo drastica dei carboidrati e un apporto di proteine eccessivo: in questo modo il corpo avrà una quota sufficiente di zuccheri da bruciare per produrre energia e una quantità di proteine corretta per conservare la massa magra. E’ importante che la dieta non sia troppo ipocalorica perché altrimenti il corpo dovrà procurasi l’energia bruciando la massa magra.

Cibi consigliati.

I cibi consigliati per una dieta last minute veloce sono quelli che hanno un elevato potere saziante quindi ricchi di fibra e con un indice glicemico basso, poveri di sale e con un basso contenuto di grassi e di calorie. Sono quindi indicati:

  • Latte scremato e parzialmente scremato;

  • Frutta (soprattutto anguria, ananas, pompelmo);

  • Carni bianche (pollo, tacchino e coniglio);

  • Pesci magri (cernia, luccio, sogliola, polpo, merluzzo, trota, calamaro, seppia, spigola);

  • Alcuni salumi sono consentiti ma con molta moderazione perché contengono sale: prosciutto crudo e cotto privati del grasso visibile, bresaola, arrosto di tacchino;

  • Pane di segale, fette biscottate e cereali integrali;

  • Tutti i tipi di verdura;

  • Tra i dolci sono consentite solo le barrette ai cereali con 90-100 kcal da mangiare come spuntino di metà mattina;

  • E' obbligatorio bere almeno 1.5 – 2 litri di acqua al giorno per smaltire le tossine e i liquidi in eccesso. Si consiglia un’acqua oligominerale (povera di minerali tra cui il sodio) che combatte la ritenzione idrica.

Alimenti da evitare.

  • Carni rosse e tagli grassi;

  • Frutta molto calorica e ricca di zuccheri (uva, fichi, banane, frutta in guscio e disidratata);

  • Pesci grassi: sgombro, anguilla, salmone;

  • Formaggi;

  • Salame, mortadella e tutti gli altri salumi non riportati tra gli alimenti permessi;

  • Cereali e derivati non integrali;

  • Dolci.

Esempio di dieta last minute equilibrata da 1200 kcal.

Vi proponiamo una giornata alimentare da 1200 kcal. Si tratta di un esempio non troppo restrittivo, che si può seguire per sette giorni senza fare troppe rinunce e senza correre il rischio di avere cali di zucchero e sentirsi spossati. Esistono anche diete last minute da un giorno, due giorni o tre giorni ma si tratta di diete severamente ipocaloriche che apportano una quantità di calorie troppo bassa per il buon funzionamento del corpo, con il rischio di ipoglicemie e perdita di massa magra. Quanti chili si possono perdere? Con questo esempio da 1200 kcal si possono perdere 2 – 3 chili ma anche di più se fate uno stile di vita attivo.

Colazione

Latte parzialmente scremato 200 g

Fette biscottate integrali 40 g

Un cucchiaino da caffè di fruttosio

Spuntino

Una barretta ai cereali

Pranzo

Pane di segale 70 g

Petto di pollo 100 g

Melanzane alla griglia 200 g

Olio extravergine di oliva 10 g (un cucchiaio da tavola)

Una fetta di cocomero da 350 g

Cena

Pane di segale 70 g

Filetto di merluzzo 150 g

Pomodori 200 g

Olio extravergine di oliva 10 g (un cucchiaio da tavola)

Ananas 120 g

Riportiamo i pesi degli alimenti consentiti che sostituiscono gli alimenti proposti sopra, in modo da aiutarvi a creare un menù che copra tutta la settimana in cui la dieta andrà seguita:

  • 70 g di pane di segale equivalgono a: 70 g di pane integrale, 45 g di farro crudo o di riso brillato crudo, 40 g di pasta integrale.

  • 150 g di merluzzo apportano calorie come 150 g di seppia o calamari, 100 g di tonno al naturale, 120 g di trota, 130 g di spigola o sogliola.

Un idea potrebbe essere quella di iniziare la dieta last minute nel week-end e seguirla per sette giorni, in modo da essere pronti per il fine settimana successivo.

Integratori.

Possono venire in nostro aiuto integratori naturali a base di erbe che permettono di combattere la ritenzione idrica e favorire il ripristino dell’equilibrio idrico. Le erbe con proprietà diuretiche sono: tè verde, finocchio, menta, tarassaco, ananas, e possiamo trovarle formulate in tisane o in capsule.

I rischi delle diete last minute.

Le diete last minute possono essere molto pericolose per l’organismo; nessun regime alimentare che prevede la perdita di 10 chili in 10 giorni o giù di li può essere nutrizionalmente corretto, il che significa che necessariamente l’organismo viene privato di qualche nutriente e non può effettuare tutti i suoi processi vitali in modo sano e regolare.

Il più grande danno che queste diete possono provocare è quello di danneggiare la massa magra, ovvero la parte buona dell’organismo invece di attaccare realmente gli accumuli di grasso, naturalmente mentre si segue la dieta non è possibile rendersi conto di che tipo di massa si stia bruciando, per cui si è semplicemente felici di vedere l’ago della bilancia che segna tot chili in meno.

Il problema è che finita la dieta quando si inizia a mangiare normalmente si rischia di accumulare più chili di quelli che si è persi; da un lato perché mangiando meno si è rallentato il metabolismo, dall’altro perché è proprio la massa magra che stimola l’organismo a bruciare energia, per cui se nel dimagrimento si è bruciata massa magra il metabolismo sarà doppiamente rallentato e l’organismo tenderà ad assorbire molti più grassi di prima.

In linea di massima si può dire che la maggior parte di coloro che segue questo tipo di diete è soggetto all’effetto yo-yo, motivo per cui trascorre anni ed anni ad inseguire il peso forma alternando periodi di dieta a periodi di mangiate senza riuscire a trovare un reale equilibrio, sottoponendo corpo e mente ad uno stress costante.

A chi sono consigliate le diete last minute.

Le diete last minute sono indicate per chi vuole avere una perdita di peso modesta in pochi giorni:

  • Chi vuole affrontare la prova costume senza tutti i chili accumulati durante l’inverno.

  • Chi deve perdere qualche chilo prima di un intervento chirurgico.

  • Come inizio per chi deve perdere molti chili: se avete un sovrappeso grave, può essere di incoraggiamento seguire una dieta last minute per una settimana per vedere i primi risultati, per poi iniziare una dieta di maggiore durata.

In particolare la dieta del panino è comoda per chi pranza fuori, mentre quella della frullato per chi è goloso di frutta.

A chi invece sono sconsigliate le diete last minute.

Le diete last minute sono sicuramente dannose per:

  • Donne in gravidanza e in allattamento, che non riceverebbero a sufficienza i nutrienti di cui hanno bisogno.

  • Diabetici, soprattutto quelli in trattamento con insulina o ipoglicemizzanti, per il rischio di ipoglicemia.

  • epatopatici: una perdita di peso così veloce e in così pochi giorni di certo sovraccarica il fegato e ne aggrava la malattia.

Supervisione: Collaboratori: Dott.ssa Vanessa Marrone (Dietista)

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Diete last minute"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...