Dieta dei tre giorni: programma, menù di esempio, risultati ed opinioni.

Quando si parla della dieta dei tre giorni è necessario chiarire prima di tutto in che termini bisognerebbe approcciare a questo modello alimentare.La dieta dei tre giorni è un regime alimentare a ridotto contenuto calorico, che ha come scopo quello di far perdere dai 2 ai 4 kg in pochissimo tempo. Il programma prevede l’assunzione di 1200 calorie costituite da sali minerali e vitamine, con un ridottissimo apporto di carboidrati e grassi...ma è davvero efficace? Scopriamo insieme risultati ed opinioni...

Dieta dei tre giorni: programma, menù di esempio, risultati ed opinioni

    Indice Articolo:

  1. Caratteristiche
  2. A cosa serve?
  3. menù di esempio
  4. Funziona?
  5. Approfondimenti

Cos’è la dieta dei tre giorni?

La dieta dei 3 giorni è un regime alimentare con un ridotto contenuto di calorie, ovvero 1200 al giorno. Queste ultime sono prettamente costituite da proteine, sali minerali e vitamine, con un ridottissimo apporto di carboidrati e grassi.

La dieta dei tre giorni è conosciuta anche con altri nomi:

  • dieta di Miami, perché si pensa che venne messa a punto in questa città americana;
  • dieta militare, in quanto deve essere rispettata scrupolosamente, con i cibi e le dosi definite, senza sgarrare.

Questo programma alimentare non è una moda moderna, ma è conosciuto ed applicato fin dagli anni '80.

Il suo obiettivo è quello di perdere dai 2 ai 4 kg, a seconda del soggetto, in pochi giorni ma, come dice il nome, deve necessariamente essere rispettata esclusivamente per questo tempo, senza prolungarla ulteriormente, altrimenti si potrebbe attivare il catabolismo muscolare.

Quest’ultimo è un meccanismo di difesa del nostro organismo che si attiva quando non riceve abbastanza nutrienti, quindi le proteine di cui ha bisogno vengono ricavate, letteralmente, “distruggendo” i muscoli.

Per trovare un giovamento dalla dieta dei tre giorni invece, si può decidere di praticarla ciclicamente, con intervalli di 2 o 3 mesi.

Bisogna tenere bene a mente che ci si deve sottoporre a questo regime alimentare, solo se si è in buone condizioni di salute e non si soffre di patologie o disturbi alimentari!

A cosa serve questa dieta ipocalorica?

La dieta dei tre giorni ha una funzione depurativa per l’organismo.

Se serve principalmente a:

  • ridurre la ritenzione idrica, che si può definire come la difficoltà che ha l’organismo ad eliminare i liquidi che si accumulano, soprattutto nelle zone ricche di grasso;
  • sgonfiare la pancia e l'intestino, favorendo l'eliminazione di scorie;
  • ridurre il carico per gli organi deputati alla digestione ed allo smaltimento delle scorie, come fegato e reni.
Giorno 1
Colazione
  • Una tazza di latte, orzo, tè o tisana;
  • una fetta biscottata, meglio se integrali, con marmellata o burro d'arachidi;
  • mezzo pompelmo;
  • un cucchiaino di zucchero per dolcificare.
Spuntino
  • Un frutto oppure uno yogurt magro.
Pranzo
  • Una scatoletta da 80 g di tonno sott'olio;
  • un contorno di verdura cruda come pomodori o insalata;
  • una fetta di pane;
  • una tazza di tè o tisana.
Merenda
  • Un frutto oppure un cioccolatino.
Cena
  • 100 gr di una carne magra a piacimento (pollo o tacchino);
  • contorno di verdure lesse (zucchine o fagiolini) condite con un filo d'olio;
  • un frutto;
  • una pallina di gelato alla vaniglia.
Giorno 2
Colazione
  • Una tazza di latte, orzo, tè o tisana;
  • una fetta di pane;
  • un uovo sodo;
  • mezza banana;
  • un cucchiaino di zucchero per dolcificare.
Spuntino
  • Un frutto oppure uno yogurt magro.
Pranzo
  • 60 g di un formaggio magro come la ricotta o i fiocchi di latte;
  • 2 crackers;
  • un’insalata di pomodori o altra verdura cruda.
Merenda
  • un cioccolatino o una spremuta d'arancia.
Cena
  • 100 gr di bresaola;
  • contorno di verdure lesse (broccoli, carote o patate) condite con un cucchiaio d'olio;
  • una pallina di gelato alla vaniglia.
Giorno 3
Colazione
  • Una tazza di latte, orzo, tè oppure
  • una fetta di pane con una fetta di formaggio;
  • un frutto;
  • un cucchiaino di zucchero per dolcificare.
Spuntino
  • Un frutto oppure uno yogurt magro.
Pranzo
  • Un uovo sodo;
  • una fetta di pane;
  • un’ insalata.
Merenda
  • Un cioccolatino o una spremuta d arancia
Cena
  • Una scatoletta di tonno;
  • un contorno di verdura bollita o fresca;
  • un frutto;
  • una pallina di gelato alla vaniglia.

Analizzando il menù si può vedere che ci sono:

  • molti cibi diuretici, soprattutto la frutta, quindi se si vuole aumentare l’efficacia drenante della dieta scegliere kiwi, ananas, melone, frutti rossi, pompelmo e tè;
  • alimenti che favoriscono un apporto di “batteri buoni” per l’apparato gastro intestinale, come latte e yogurt;
  • sostanze che favoriscono la regolarità intestinale, come alimenti integrali e verdura.

Lo sapevate che...

La dieta dei tre giorni, con alcuni accorgimenti, può diventare vegetariana: basta sostituire le proteine di origine animale con dei legumi (fagioli, ceci, farro ed orzo) anch’essi ricchi di questo tipo di nutrienti.

Inoltre, questo regime alimentare va bene anche per le persone che soffrono di cuore o di colesterolo alto, in quanto si assumono cibi tipicamente consigliati in questo tipo di patologie: pesce ricco di omega 3, carni bianche, vitamine e minerali.

La dieta militare funziona? Risultati ed opinioni.

In seguito alla dieta dei tre giorni, sicuramente, mettendosi sulla bilancia si avrà una diminuzione di peso, dovuto principalmente ai liquidi espulsi ed anche il ventre sarà più piatto, in quanto sono state eliminate tutte le scorie.

Non si accelera il metabolismo, quindi i meccanismi corporei che determinano la degradazione del cibo, rimarranno invariati perché hanno bisogno di più tempo per essere rimodulati.

Per questa ragione, in realtà, si può parlare, più che una dieta dimagrante, di un regime alimentare per depurarsi, infatti, in questi tre giorni si riducono le calorie assunte e si mangia più controllato.

Approfondisci conme si articola una dieta depurativa.

Il rischio della dieta dei tre giorni è che, se si riprendono le normali abitudini questo "sforzo" durato pochi giorni, risulta essere vano; per questo motivo andrebbe fatta solo talvolta, quando ci si sente particolarmente ingolfati, o dopo periodi in cui si è mangiato male, a causa di:

  • pasti saltuari e poco sostanziosi, perché non si ha avuto tempo di fare la pausa pranzo;
  • grandi abbuffate, in concomitanza di feste ed eventi.

Attenzione!

Se si decide di rivedere la propria vita e perdere drasticamente peso, la prima cosa da fare è recarsi da un medico il quale, in prima istanza valuterà la salute del corpo ed, in secondo luogo, ideerà un regime alimentare ad hoc per voi, da seguire per un periodo piuttosto lungo di tempo, a seconda di quanti kg decidete di perdere.

Infatti l'optimum sarebbe quello di dimagrire costantemente e non troppo velocemente, massimo 2 kg a settimana, grazie a pasti bilanciati e ad una corretta attività fisica.

A questo punto si è capito che con la dieta di tre giorni, si riesce a depurarsi, quindi a sgonfiarsi ed essere più snelle e leggere.

Tale regime alimentare può essere ripetuto una volta ogni due mesi, sempre sotto controllo medico, per eliminare gli eccessi. Il consiglio, tuttavia, è quello di seguire sempre un’alimentazione corretta, perché l'organismo soffre, quando le abitudini alimentari non sono costanti!

Se anche tu hai provato la dieta militare, raccontalo ai nostri lettori in un commento.

Supervisione: Maria Grazia Cariello - Collaboratori:Dott.sa Karen Angelucci (Laurea in chimica e tecnologia farmaceutica) - Dott.sa Francesca Vassallo

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Dieta dei tre giorni: programma, menù di esempio, risultati ed opinioni"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...