Cardiofitness: cos’è? Allenamento per dimagrire e per il cuore.

Cardiofitness: un allenamento a circuito pensato per dimagrire e rafforzare il cuore! Ellittica, tappeto e cyclette sono alcuni degli attrezzi necessari per allenarsi, ma lo strumento più importante è il cardiofrequenzimetro. Scopriamo cos'è e come utilizzarlo per massimizzare i risultati di questo allenamento sia per la forma fisica che per la salute.

Cardiofitness: cos’è? Allenamento per dimagrire e per il cuore

    Indice Articolo:

  1. Caratteristiche
  2. Cardiofrequenzimetro
  3. Come si svolge?
  4. I tempi
  5. Benefici
  6. Rischi e controindicazioni
  7. Approfondimenti

Cos’è il cardiofitness?

Il cardiofitness è un allenamento per dimagrire che fa anche bene al cuore e si svolge a circuito, cioè tramite macchinari differenti da utilizzare in serie, con tempi e obiettivi diversi. Consiste in una serie di esercizi da svolgere in modalità aerobica, cioè traendo l’energia che serve all’organismo durante l’allenamento dall’ossigeno assunto attraverso la respirazione. Si tratta di un’attività di media intensità, che richiede macchinari specifici e pertanto viene svolta generalmente in palestra.

In media, con un’ora di cardiofitness si bruciano 600 kcal, ma il numero di calorie bruciate non è rilevante per quest’attività, che segue altri principi.

La definizione “cardiofitness” significa letteralmente “benessere del cuore”. Questo allenamento è, infatti, interamente organizzato sulla frequenza cardiaca e, in base al numero di battiti per minuto, si possono ottenere risultati differenti, attivando una reazione fisiologica diversa. Per esempio:

  • ad un’attività cardiaca moderata corrisponde un processo di lipolisi, cioè di scioglimento di grassi per mezzo dell’ossigeno;
  • ad un numero maggiore di battiti l’ossigeno è invece utilizzato per lo più dal cuore come combustibile.

Quale che sia l’andatura stabilita, è importante dunque disporre di un cardiofrequenzimetro, lo strumento integrato nei macchinari più all’avanguardia che serve per misurare la frequenza cardiaca. Vuoi sapere come funziona?

L’uso del cardiofrequenzimetro negli allenamenti per la salute del cuore.

Il cardiofrequenzimetro, indispensabile per chi vuole praticare cardiofitness, può essere sia applicato su particolari parti del corpo, ad esempio i polpastrelli, sia posizionato sulle stesse impugnature delle macchine; in entrambi i casi, la frequenza cardiaca registrata comparirà sul display del macchinario, così l’atleta potrà regolarsi di conseguenza.

Ma come si utilizza questo accessorio? Innanzitutto bisogna calcolare la FCMax, cioè la frequenza cardiaca massima, il numero massimo di battiti al minuto, al di sopra dei quali l’allenamento diventa troppo faticoso e inutile per l’organismo. Tra i diversi modi per calcolarla, il più noto consiste nell’applicare la formula 220 – età, che ad esempio in un ragazzo di 23 anni dà come risultato 220 – 23 = 197.

Tuttavia ricordiamo che il valore così ricavato costituisce un limite massimo, da raggiungere solo in particolari momenti in cui lo sforzo fisico si fa più intenso; durante l’attività di cardiofitness, è sufficiente mantenere la FC in percentuali incluse tra il 60% e l’80% della FCMax, il che, tornando all’esempio del 23enne, riporta a risultati compresi tra 118 e 158 battiti al minuto. Attenzione, dunque, a non superare il limite!

L’importanza della frequenza cardiaca nel cardiofitness.

L’uso del cardiofrequenzimetro è fondamentale anche per determinare quali risultati otterrai dagli esercizi, permettendoti di agire dove è più necessario, in quanto gli effetti dell’allenamento sull’organismo dipendono dalla percentuale di FC alla quale si decide di allenarsi. Facciamo degli esempi:

  • mantenendosi su percentuali tra il 60% e il 70% si avrà un allenamento bruciagrassi, dato che l’organismo attingerà l’energia prima dagli zuccheri e, dopo circa mezz’ora, inizierà a bruciare i lipidi;
  • portando invece la FC tra il 70% e l’80% si potenzieranno il cuore e il sistema respiratorio, abituandoli ai ritmi più intensi e, progressivamente, a lavorare meglio e di più.

Potendo misurare delle percentuali così precise, si capisce benissimo perché l’uso del cardiofrequenzimetro risulti essenziale nello svolgimento del cardiofitness!

Ora, però, entriamo finalmente nel vivo dell’argomento: vuoi scoprire come si articola nel dettaglio un allenamento di cardiofitness? Allora non puoi perderti il prossimo paragrafo!

Come si svolge un allenamento di cardiofitness?

Un allenamento di cardiofitness ha bisogno di macchinari specifici che puoi trovare in palestra, o può anche svolgersi in casa, se disponi degli strumenti adatti. Questi esercizi prevedono il cosiddetto circuito, in cui ci si allena su tanti attrezzi diversi; ecco perché in caso di allenamento su una sola macchina non si può parlare di cardiofitness. Gli attrezzi necessari all’interno di un circuito sono principalmente quattro; li elenchiamo di seguito, specificando per ciascuno le sue caratteristiche:

Tapis roulant: il classico tappeto da corsa, può essere motorizzato (con nastro azionato da motore) o magnetico (l’atleta fa muovere il nastro con la corsa). In genere il primo tipo ha il cardiofrequenzimetro integrato, il secondo no. Con questo attrezzo si può variare l’allenamento per renderlo meno noioso, differenziando velocità e percorsi. In genere chi è alle prime armi dovrebbe iniziare camminando, per poi passare gradualmente alla corsa. Anche le persone in sovrappeso, per evitare problemi alla schiena, dovrebbero prima perdere qualche chilo con la camminata e solo in seguito darsi alla corsa vera e propria. Chi invece non ha problemi di obesità ed è già allenato, può correre tranquillamente sul tappeto anche per 10-15 minuti, impostando la corsa alla velocità più congeniale per il proprio fisico.

Cyclette: la cosiddetta “bici da camera”, che può essere utilizzata nelle sue due versioni: la cyclette vera e propria, quindi senza schienale, indicata per i più allenati, in cui si fa perno solo sulle ginocchia dell’atleta, e la cyclette con schienale, chiamata Recline, in cui si fa meno forza sulle ginocchia perché la schiena è comodamente appoggiata e per questo viene consigliata alle persone in sovrappeso. Anche con questo attrezzo l’allenamento di cardiofitness può essere variato: sarà il personal trainer ad elaborare per ciascun individuo degli esercizi mirati, in tempi e modalità, per lo scopo che si vuole raggiungere, diversificando l’allenamento per renderlo più piacevole.

Ellittica o cross trainer: un simulatore di corsa molto realistico, costituito da due pedane su cui vanno poggiati i piedi; i manubri non sono fissi, ma anch’essi sono sottoposti ad un movimento ondulatorio che riproduce quello realmente effettuato dalle braccia durante la corsa all’aria aperta. Questo attrezzo permette un’attività fisica completa poiché interessa i muscoli sia della parte superiore sia di quella inferiore del corpo. L’ellittica è però sconsigliata per tutte le persone in sovrappeso, che potrebbero trovare difficoltoso stare in equilibrio su quest’attrezzo; per gli altri invece è uno strumento da usare con cautela (non più di qualche minuto di corsa a velocità moderata) in quanto molto faticoso.

Vogatore: un attrezzo che simula la vogata, cioè la remata, attraverso dei manubri che devono essere saldamente impugnati e poi mossi avanti e indietro. Può coinvolgere solo la parte superiore del corpo, facendo lavorare solo le braccia e i pettorali, oppure anche le gambe, in quanto particolari modelli permettono di poggiare i piedi su delle pedane effettuando movimenti di spinta in avanti. In quest’ultimo caso il vogatore permette un allenamento completo ed è pertanto irrinunciabile all’interno di un circuito di cardiofitness, ma è generalmente sconsigliato ai principianti, a chi è in sovrappeso e agli anziani perché troppo stancante. Chi è più esperto può invece allenarsi per circa 5-10 minuti, sia a velocità costante che a velocità variabile, in base a quanto stabilito dal personal trainer.

I quattro macchinari sopra elencati sono fondamentali per un allenamento di cardiofitness, ma non sono gli unici ad essere utilizzati. Spesso il circuito viene completato con altri attrezzi (come il simulatore di sci di fondo e lo step) che variano di palestra in palestra e vengono scelti dal personal trainer in base alle esigenze specifiche del soggetto. Ma c’è un altro aspetto importantissimo da considerare prima di fissare un programma di allenamento, scopriamo insieme qual è!

Il vero e il falso su questo speciale allenamento a circuito.

Nonostante gli indubbi meriti del cardiofitness, non tutti sono d’accordo nell’elogiarlo. Come sempre avviene nel caso delle teorie più diffuse, anche per quanto riguarda questa modalità di allenamento c’è qualche bastian contrario che non la ritiene corretta. Alcuni personal trainer, infatti, sostengono che sia sbagliata perché:

  • dà troppa importanza al cardiofrequenzimetro, fissando dei limiti inutili soprattutto per quanto riguarda la frequenza cardiaca (secondo questa tesi non è dannoso raggiungere la FCMax, ma bisogna invece abituare il cuore a lavorare anche a questi ritmi più sostenuti);
  • l’allenamento non subisce differenze sia che ci si alleni al 60% sia al 80% della FCMax, in quanto i processi che si innescano (dimagrimento, potenziamento etc.) dipendono da tante altre varianti relative al singolo individuo che pratica attività fisica.

Ognuno, quindi, ha la sua personale idea sul cardiofitness; tra tutte queste affermazioni così discordanti, l’unica certezza consiste nel fatto che gli esercizi di questo tipo avranno sempre un’utilità comprovata dal punto di vista scientifico, poco importa a quale FC li si esegua, e che porre dei limiti al proprio corpo può essere utile a volte, ma spetta all’atleta imparare a conoscerli per capire fin quando può praticare sforzi o quando invece la stanchezza è tale da dover sospendere l’allenamento.

 

Quanto contano “i tempi” negli esercizi che aiutano il cuore.

Il tempo è una variante davvero fondamentale nello svolgimento degli esercizi di cardiofitness. Bisogna, infatti, valutare due elementi:

  • La durata dell’allenamento: in genere, affinché gli esercizi siano efficaci non devono durare meno di venti minuti; tuttavia bisogna stare attenti a non superare neanche la soglia massima di un’ora, dopo la quale lo sforzo diventa eccessivo per l’organismo e quindi dannoso. Ovviamente ogni persona avrà un proprio tempo ideale di allenamento: in linea di massima, quando il fiato si fa talmente corto da non riuscire più a svolgere una conversazione mentre ci si allena, allora è meglio interrompere o alleggerire l’attività che si sta svolgendo.
  • La frequenza con la quale svolgere il cardiofitness: dipende sia dalle condizioni fisiche dell’atleta, sia dai risultati che egli vuole raggiungere; chi non è molto abituato a praticare attività fisica, o è in forte sovrappeso oppure si dedica al cardiofitness senza particolari aspettative, solo per passatempo, dovrà iniziare con degli allenamenti non troppo frequenti, magari di 2-3 volte a settimana. Gli atleti invece già più allenati, o coloro che vogliono perdere molto peso o potenziare il sistema cardiocircolatorio, possono aumentare la frequenza degli allenamenti anche a 4-5 volte a settimana, stando comunque sempre attenti a non strafare e possibilmente allenandosi sotto la supervisione di un esperto.

Insomma, il tempo è una cosa seria! Tienilo a mente prima di iniziare un allenamento di cardiofitness e fatti consigliare per il meglio dal tuo personal trainer di fiducia!

I benefici del cardiofitness: per dimagrire e rafforzare il cuore e non solo.

Ora è il momento di parlare dei molteplici benefici del cardiofitness, uno tra gli sport attualmente più praticati. La sua versatilità e la personalizzazione dell’allenamento lo rendono adatto proprio a tutte le categorie di atleti, qualunque sia l’obiettivo che essi vogliono raggiungere. Vediamo nello specifico tutti i vantaggi di questi esercizi:

  • Potenzia il sistema cardiocircolatorio e respiratorio: il potenziamento di cuore e polmoni è lo scopo fondamentale per il quale si pratica il cardiofitness. Grazie alle grandi quantità di ossigeno introdotte nell’organismo il cuore diventa più forte, diminuendo il rischio di infarti; migliora la circolazione, in particolare quella periferica; si rafforzano le pareti dei vasi sanguigni; infine, l’intero processo della respirazione diventa più efficiente e gli alveoli più resistenti! Tutti questi benefici, non visibili sicuramente a occhio nudo, hanno come conseguenza nel tempo un miglioramento generale della nostra salute.
  • Fa dimagrire: il dimagrimento è l’altro scopo principale per il quale il cardiofitness viene praticato. Come abbiamo già detto, mantenendo i battiti tra il 60% e il 70% della FCMax, si attiva dopo circa mezz’ora di allenamento un processo di scioglimento dei grassi che interessa tutto il corpo, in quanto l’organismo trae proprio dalle riserve lipidiche l’energia per continuare a sostenere lo sforzo fisico. Inoltre, il cardiofitness può essere utile anche alle donne in gravidanza per non accumulare una quantità eccessiva di grasso, purché la futura mamma non abbia problemi di salute e si alleni con circuiti semplificati, che comprendano un’attività breve e moderata, ad esempio camminate sul tapis roulant o esercizi sulla cyclette.
  • Tonifica la massa muscolare: oltre a smaltire la massa grassa, il cardiofitness contribuisce a tonificare ed incrementare la massa magra; questo vuol dire che il circuito tonifica la muscolatura e dà al corpo un aspetto più armonico, aumentando la definizione dei muscoli. Per questo motivo è lo sport adatto a chi è sempre in lotta contro l’odiosa pancetta e vuole degli addominali scolpiti, ma soprattutto è utile a tutti quegli atleti che praticano body building perché possono sviluppare ogni muscolo fino raggiungere la conformazione fisica desiderata.

Potrebbe interessarti sapere quali sono e come si svolgono gli esercizi per aumentare la massa muscolare.

  • È un valido alleato contro la cellulite: intaccando le riserve lipidiche localizzate in varie parti del corpo, ovviamente il cardiofitness va a sciogliere anche la cellulite, soprattutto quando si trova nelle zone in cui è più difficile da smaltire (ad esempio con l’esercizio mirato del vogatore). In questo senso il cardiofitness è l’allenamento più indicato, in quanto interviene direttamente sulla zona interessata e promette risultati visibili già dopo le prime sessioni di esercizi.
  •  È utile nella riabilitazione fisica: il cardiofitness può essere di aiuto achi ha subito traumi muscolari o ossei, e pertanto necessita di riprendere la funzionalità della parte interessata. Ovviamente, in questo caso, l’intensità sarà sempre moderata, in quanto l’obiettivo non è sforzare il fisico, ma aiutarlo a riprendere la consueta mobilità. Gli esercizi di cardiofitness volti alla riabilitazione possono avvenire in palestre comuni, sotto la guida di un personal trainer esperto, oppure nei centri specializzati, spesso all’interno degli stessi centri medici fisioterapici.
  • Contribuisce a velocizzare il metabolismo: il cardiofitness aiuta anche ad accelerare il metabolismo, in particolare quello basale, cioè il consumo di energia dell’organismo a riposo, e questo avviene sia scomponendo i depositi adiposi in parti molto piccole, più facili da smaltire, sia fornendo all’organismo grandi quantità di ossigeno, utile per bruciare i grassi e ricavare così energia.

Approfondisci come velocizzare il metabolismo in modo naturale.

  • Aiuta a mantenere il corpo in salute: il cardiofitness è un allenamento benefico per la salute in generale, sia nell’estetica che interiormente. Tuttavia esso risulta particolarmente indicato per l’ipertensione e il diabete; chi soffre di queste patologie dovrebbe svolgere un’attività fisica moderata ma costante, sotto il continuo controllo del medico. No al fai-da-te! Nel caso specifico dei diabetici, i soggetti affetti da diabete di tipo 1 si possono allenare per un massimo di 30 minuti, mentre quelli che soffrono di diabete di tipo 2 possono tranquillamente continuare anche per un’ora.

Insomma, sembra proprio che questo tipo di allenamento abbia tanti pro e nessun contro. Ma è vero? Approfondiamo l’argomento!

Quali sono i rischi e le controindicazioni di questo allenamento?

I rischi del cardiofitness sono praticamente nulli, per il semplice fatto che ogni allenamento viene personalizzato in base alle caratteristiche fisiche e agli obiettivi specifici di ogni atleta, per cui è di fatto impossibile che si pratichino attività dannose per l’organismo. Come abbiamo visto, questo sport è utile anche per alcune persone affette da patologie per le quali mai si penserebbe che l’attività fisica sia consigliata!

Gli unici soggetti per i quali bisogna assumere delle precauzioni sono gli obesi o comunque coloro che sono in forte sovrappeso: in questo caso il cardiofitness non è sconsigliato, anzi, è una delle attività migliori per iniziare a perdere peso, ma bisogna sviluppare una tipologia di allenamento di intensità graduale, che vari in base a quanto dimagrisce ogni singola persona.

Insomma, si tratta comunque di affidarsi all’esperienza del personal trainer, che saprà stilare un programma personalizzato, adatto veramente a chiunque. Perché non ti metti alla prova anche tu?

Supervisione: Collaboratori: Dott.sa Luigia Torrusio

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Cardiofitness: cos’è? Allenamento per dimagrire e per il cuore"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...