Calorie giornaliere.

Calorie giornaliere

Per dimagrire si dovrebbero assumere meno calorie giornaliere di quelle che si consumano.

Come è facilmente intuibile quindi ogni dieta dimagrante andrebbe attentamente strutturata in base alle peculiari caratteristiche del soggetto interessato.

Come si calcola il consumo calorico.

Per calcolare il consumo calorico di un individuo è necessario sommare tra loro diversi fattori che concorrono a determinare il quantitativo di calorie che esso consuma.

Come prima cosa bisogna conoscere i valori del metabolismo basale del soggetto, ovvero le calorie che il suo organismo consuma in una situazione di assoluto riposo, semplicemente per compiere le sue normali funzioni vitali.

A queste vanno poi sommate le calorie consumate per svolgere le operazioni di quotidiana routine relative ai lavori domestici, al proprio impiego e sopratutto le calorie consumate per l'eventuale pratica di una attività sportiva.

Dieta e calorie.

Dopo aver calcolato le calorie consumate quotidianamente dal soggetto, avvalendosi di specifiche tabelle che riportano le calorie contenute negli alimenti, si può passare a creare una dieta ipocalorica, che abbia cioè un apporto calorico complessivo leggermente inferiore a quello delle calorie consumate giornalmente dal soggetto, in questo modo l’organismo, per creare l’energia necessaria a compiere tutte le operazioni della quotidianità, è costretto ad attingere alle sue riserve di grasso.

Quindi mantenendo squilibrata la relazione tra calorie consumate e calorie introdotte per un certo periodo di tempo, si consegue il dimagrimento programmato.

Bisogna però tener presente che, sebbene da un punto di vista prettamente teorico questa tesi sia perfetta, ed anche nella pratica la sua applicazione da buoni risultati, un dimagrimento sano non può essere basato solo su calcoli matematici.

Calorie e giuste quantità di nutrienti.

Va infatti chiarito che sia il calcolo delle calorie consumate giornalmente da un soggetto, sia quello dell’apporto calorico degli alimenti, sono puramente indicativi, entrambi infatti sono influenzati da variabili non determinabili con precisione.

A questo va aggiunto poi che oltre che la quantità degli alimenti, per dimagrire in modo sano è indispensabile tenere conto della qualità degli stessi.

Questo vuol dire che seppure i calcoli indicano che un soggetto, per ottenere un dimagrimento dovrebbe assumere circa 1200 calorie, non significa che questo può mangiare nell’arco della giornata una quantità tale di dolci da non superare le 1200 calorie, in questo modo infatti, il soggetto non darebbe all’organismo tutti i nutrienti necessari, e seppure si manifestasse una effettiva perdita di peso questa deriverebbe dalla distruzione di massa magra, il che significa che non solo il soggetto sta danneggiando la salute del suo corpo, ma anche che appena questo inizia a mangiare di nuovo in modo normale riacquisterà immediatamente tutti i chili persi.

Per dimagrire in modo sano è quindi indispensabile che le calorie che il soggetto può assumere nell’arco della giornata siano fornite da alimenti che garantiscono la presenza di tutti i macro e micronutrienti necessari a mantenere l’organismo in salute.

Alimenti da privilegiare.

Per dimagrire quindi è consigliabile prediligere gli alimenti che hanno uno basso valore calorico, ma che contengono buone percentuali di nutrienti, come i cereali integrali, le carni bianchi, il pesce azzurro, la frutta e la verdura, ed evitare invece dolci, fritti o altri alimenti che hanno un alto valore calorico ma sono poveri di nutrienti.

Solo cosi infatti si può essere sicuri di dimagrire in modo sano senza danneggiare la salute dell’organismo, monitorando con attenzione non solo la quantità, ma soprattutto la qualità delle calorie giornaliere.




Torna su
Condividi su Facebook
"Calorie giornaliere"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.