Barrette pesoforma: funzionano? Ingredienti, prezzo e controindicazioni.

Le barrette pesoforma sono state lanciate sul mercato da oltre un decennio e, visto il loro grande boom pubblicitario e promozionale, sono diventate ormai il simbolo di tutti i prodotti “dietetici” alternativi al pasto. Funzionano davvero? Scopri con noi tutte le informazioni al riguardo, tra cui il prezzo, quali sono gli ingredienti e quali le possibili controindicazioni!

Barrette pesoforma: funzionano? Ingredienti, prezzo e controindicazioni


    Indice Articolo:

  1. Caratteristiche
  2. A cosa servono?
  3. Funzionano?
  4. Controindicazioni
  5. Approfondimenti

  1. Cosa sono le barrette pesoforma? Ecco ingredienti e calorie.

Uno dei metodi più gettonati per dimagrire propone l’utilizzo di sostitutivi dei pasti, prevalentemente barrette, ma anche frullati, budini e altri tipi di strani alimenti da consumare al posto del pranzo o della cena. Le barrette possono sostituire anche una normale colazione fatta con latte e cereali o biscotti, sia per contenuto energetico sia per composizione.

Ne esistono molte varietà, disponibili in gusti diversi: al prosciutto, al formaggio, ai cereali, ai fiocchi tostati, all’arancia, al cioccolato… Vuoi sapere di cosa sono fatte? Gli ingredienti principali sono presenti nel seguente elenco dei valori nutrizionali:

  • Proteine: 15 g. Si tratta di proteine del latte che rispondono in modo ottimale alle esigenze del nostro corpo.

  • Carboidrati: 29 g; di cui semplici: 19 g. I carboidrati semplici sono zuccheri che vengono assorbiti rapidamente dall’organismo e, inoltre, innalzano molto il livello di glicemia nel sangue.

  • Grassi: 7 g; di cui saturi: 3,2 g. I grassi saturi sono quelli potenzialmente più dannosi per la salute dell’organismo.

  • Vitamine: A, C e quelle del gruppo B.

  • Kcal: 200-300. L’apporto calorico medio di una barretta è molto inferiore alla quantità di energia che dovrebbe apportare un pranzo o una cena (e non altrettanto saziante).

Oltre ai sopracitati nutrienti, nelle barrette si trovano anche sali minerali, vari conservanti, addensanti e aromi.

E chi ha delle intolleranze alimentari deve per forza rinunciare a questi prodotti? Assolutamente no! In commercio sono disponibili anche quelli senza glutine adatti ai celiaci o senza lattosio per chi è intollerante allo zucchero del latte.

Ora, però, vediamo come si usano e quanto costano le barrette!

 

Scopri l’utilizzo e il prezzo di questi prodotti dietetici.

 

Le barrette pesoforma si utilizzano, in genere, per tre o quattro settimane, prima di sospendere l’assunzione per un mese. Dopo questo periodo di pausa si può ripetere per altre tre-quattro settimane e così via.

Ma sostituire un pasto con una barretta vuol dire che nell’altro pasto principale si può mangiare ciò che si vuole? Niente affatto! Anzi, il consiglio è comunque quello di seguire un regime alimentare ipocalorico e praticare un’adeguata attività fisica. Insomma, questi prodotti non sono magici e non sono certo un lasciapassare per poterti, poi, abbuffare senza compromettere la linea!

Detto ciò, vuoi sapere a chi sono adatte le barrette pesoforma? Le possono assumere:

  • Soggetti sani, ossia privi di qualsiasi patologia (malattie tiroidee, diabete, ecc.), che vogliano semplicemente perdere peso.

  • Bodybuilder desiderosi di aumentare la massa muscolare, apportando una maggiore quantità di proteine con l’alimentazione. In questo caso le barrette, piuttosto che per sostituire un pasto, possono essere consumate come spuntino mattutino o pomeridiano o dopo l’allenamento.

A qualunque delle due categorie appartenga, il mercato ti offre tantissime varietà di barrette, tra le quali è difficile scegliere e che puoi trovare nei supermercati più forniti, nei negozi per sportivi, nelle farmacie e nelle parafarmacie. I prezzi? Si aggirano intorno ai 10 euro per una confezione che da 6 pasti sostitutivi.

Ma come bisogna orientarsi per scegliere la tipologia di barretta più adatta alle proprie necessità? Leggi le informazioni contenute nel prossimo approfondimento!

Diverse le esigenze, diverso il sostitutivo del pasto!

Al di là del gusto prediletto, la scelta della tipologia di barretta non è certo casuale! A seconda di quello che vuoi ottenere dal prodotto, ti consigliamo di seguire le seguenti indicazioni:

  • Le barrette più indicate per dimagrire sono ipocaloriche, come le pesoforma da utilizzare in sostituzione di un pasto principale. Se si segue una dieta proteica specifica come la Dukan o quella a Zona, si può optare per le barrette formulate appositamente per questi regimi. Si tratta di quelle Dukan, che non contengono farine né zuccheri, o delle Enerzona, composte al 40% da carboidrati, al 30% da proteine e al 30% da grassi.

  • Gli sportivi, invece, potranno scegliere barrette energetiche ricche di carboidrati, proteine e vitamine e sali minerali, che consentono di avere energia immediatamente disponibile, sia prima che dopo l’allenamento.

Puoi approfondire le caratteristiche e le tipologie di barrette energetiche 

Qualunque sia l’obiettivo prefissato, quando assumi queste barrette di certo speri di ottenere dei risultati evidenti e duraturi. È giusto essere fiduciosi al riguardo o sarebbe meglio non aspettarsi troppo?

Le barrette funzionano davvero? Opinioni.

Lo scopo principale per cui sostituire il pranzo o la cena con una barretta pesoforma è che ciò si traduce in un taglio alle calorie assunte giornalmente, se non aumenta l’assunzione di cibo nel resto della giornata! Questa diminuzione calorica comporta inevitabilmente un’iniziale perdita di peso. Tuttavia, dopo i primi risultati, il dimagrimento si arresta e diventa sempre più difficile raggiungere la forma desiderata. Perché si verifica questo? In realtà, introitare barrette significa comunque assumere zuccheri semplici e grassi saturi che contribuiscono a far ingrassare. Quindi, il minor apporto calorico provoca solo un limitato calo ponderale, che poi si arresta in quanto i grassi e gli zuccheri continuano a essere immagazzinati nel tessuto adiposo. Ecco decifrato il mistero!

A questo punto, forse, ti starai chiedendo come mai tali prodotti siano tanto diffusi, se non hanno un reale effetto sulla linea. Ebbene, i motivi che hanno decretato il successo delle barrette pesoforma si basano senza dubbio sulla scarsa informazione riguardo ai principi nutritivi e alla corretta alimentazione in genere! Questi prodotti, infatti, venivano pubblicizzati proprio come la soluzione ideale per riuscire a seguire una dieta e perdere addirittura i chili in eccesso, anche se si è costretti a mangiare spesso fuori casa. I punti di forza esaltati in queste campagne promozionali erano:

  • La praticità del prodotto, che può essere facilmente trasportato e consumato in qualsiasi luogo.

  • La semplicità del programma alimentare, poiché per seguire questo piano dietetico non è necessario pesare le quantità o mangiare alimenti specifici, come invece prevede la maggior parte delle diete dimagranti tradizionali.

Per tali motivi le barrette pesoforma hanno facilmente conquistato il favore di chi vuole perdere qualche chilo senza compiere sacrifici eccessivi. Molti di coloro che le hanno utilizzate hanno anche raggiunto l’obbiettivo desiderato... peccato, però, che la maggior parte abbia poi riacquistato tutti i chili persi, in alcuni casi perfino con gli interessi, non appena ha ricominciato a mangiare in modo normale!

Come regolarsi, allora? Chiariamo che l’utilizzo delle barrette ha forti limitazioni, in quanto:

  • Un apporto calorico nettamente inferiore a quello di un normale pasto, se da un lato facilita il dimagrimento, provoca anche, con l’andare del tempo, un consistente rallentamento del metabolismo; per questo motivo, appena si ricomincia a mangiare normalmente, l’organismo, abituato a farsi bastare quantità di calorie notevolmente inferiori, tende ad accumulare molto di più.

  • Sostituire i pasti non educa a una sana ed equilibrata alimentazione! Quindi, dopo aver perso peso, si continua a mangiare come prima, ingrassando nuovamente.

Sai che questi prodotti, oltre alle limitazioni, possono anche avere delle vere controindicazioni? Vediamole insieme!

  1. Controindicazioni solo per pochi.

Come già accennato, le barrette pesoforma possono essere utilizzate solo in assenza di malattie! In particolare, sono controindicate in alcuni casi:

  • Patologie tiroidee: una ridotta funzionalità tiroidea implica un rallentamento generale del metabolismo, che induce all’aumento del peso. L’utilizzo di sostitutivi di pasti rallenta ulteriormente il metabolismo, il che può portare, piuttosto che al dimagrimento, all’effetto opposto!

  • Diabete: ricche di zuccheri semplici, le barrette determinano un elevato picco glicemico, ossia un innalzamento repentino del glucosio nel sangue, deleterio per il paziente diabetico.

  • Gravidanza: per assicurare tutti i nutrienti al nascituro è necessario attenersi a un regime alimentare sano ed equilibrato, che comprenda grassi insaturi (olio d’oliva, pesce, frutta secca) e carboidrati complessi (cereali integrali), non presenti nelle barrette.

  • Colesterolo alto: i grassi saturi, ingredienti costitutivi delle barrette, sono sconsigliati in caso di ipercolesterolemia, in quanto precursori degli acidi grassi e del colesterolo in circolo.

  • Grave obesità: i grassi saturi delle barrette non fanno altro che arricchire i depositi adiposi presenti nel tessuto sottocutaneo e viscerale. Per combattere l’obesità è necessaria, invece, una dieta bilanciata elaborata da un esperto, accoppiata a una adeguata attività fisica!

Ora che conosci abbastanza bene le caratteristiche delle barrette pesoforma, puoi decidere consapevolmente se assumerle o no. Che fare se, invece, volessi usare altre opzioni? Troverai dei semplici suggerimenti nel prossimo approfondimento!

Quali sono le alternative migliori alle barrette pesoforma?

Sebbene le barrette contengano davvero, come pubblicizzato, tutti i nutrienti fondamentali, ovvero carboidrati, proteine e grassi, in quantità tali da provvedere al fabbisogno dell’organismo, è vero anche che a parità di apporto calorico si potrebbero fare delle scelte dietetiche indubbiamente migliori. Quali, per esempio?

Mangiando un panino con un po’ di bresaola, o con del petto di tacchino, introdurresti all’incirca lo stesso numero di calorie, assumendo però una più alta quantità di carboidrati complessi, ottima fonte energetica per l’organismo, in quanto rilasciano energia in modo graduale, e una più bassa percentuale di grassi, mantenendo costante l’apporto proteico e contenuto quello calorico.

Da non trascurare, poi, l’importanza dell’attività fisica che, oltre a migliorare l’aspetto del corpo, aiuta ad aumentare il metabolismo e, quindi, a bruciare più grassi!

Insomma, come vedi, esistono altri metodi con i quali puoi prenderti cura della tua linea, anche senza assumere le tanto discusse barrette sostitutive!

Per concludere...

In conclusione dell’articolo, quindi, si può senza dubbio affermare che le barrette pesoforma o altri prodotti del genere, molto pratici da mangiare e, diciamolo, anche di buon sapore, contengono i nutrienti essenziali per l’organismo, ma allo stesso tempo apportano poche calorie. Tuttavia, una dieta ipocalorica equilibrata, studiata da un medico specializzato, unita alla pratica regolare di uno sport, è il modo migliore per perdere peso, in quanto solo così otterrai un dimagrimento più sano e più duraturo!


Supervisione: Maria Grazia Cariello Collaboratori: Dott.sa Valentina Coviello (Biologa) - Dott.sa Luigia Torrusio

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.