Ansia depressiva.

Ansia depressiva

Il termine ansia depressiva in realtà non indica una sindrome perfettamente definita ed ufficialmente riconosciuta dalla psicologia moderna, ma nasce dalla stretta relazione che lega ansia e depressione per cui nella maggior parte dei casi queste due sindromi si manifestano in concomitanza.

Sindrome ansiosa e depressione.

Molto frequentemente chi è colpito da sindrome ansiosa sfocia poi nella depressione e viceversa, per questo motivo spesso ci si trova di fronte a soggetti che presentano entrambi i sintomi, il che ha portato ad una loro unione ufficiosa. In realtà, per una corrente della psichiatria l'ansia non viene neanche considerata una vera e propria patologia, ma semplicemente un sintomo che deve essere per forza espressione di una malattia, che in questo caso risulterebbe essere la depressione. Quando si soffre di depressione infatti si tende a vivere con ansia tutta una serie di situazioni, (dagli impegni lavorativi alla vita sociale o di coppia) per le quali ci si sente costantemente inadeguati, proprio a causa del senso di stanchezza e di frustrazione causato dalla depressione.

Dall'ansia all'insonnia, alle fobie, alla depressione.

Anche i soggetti che soffrono di nevrosi d'ansia vivono in un costante stato di inadeguatezza ad affrontare la vita, motivo per cui sentono il bisogno di essere costantemente rassicurati da coloro che li circondano, la maggior parte di questi soggetti spesso inizia ad avere problemi di insonnia e a manifestare diverse fobie, segno che l'ansia sta degenerando in patologie diverse di cui la più comune è senza dubbio la depressione.

Ansia depressiva: Disturbo da adattamento.

Lo stretto rapporto che esiste tra ansia e depressione è dimostrato, oltre che dal loro essere consequenziali, anche dal fatto che molto spesso i fattori scatenanti coincidono. Un altro modo di definire l'ansia depressiva infatti è: disturbo da adattamento, termine che indica un quadro clinico che presenta, in un percentuale diversa a seconda dei casi, sia i sintomi dell'ansia che quelli della depressione.

Questi disturbi di adattamento che colpiscono una percentuale altissima della popolazione in fasi diverse della vita, si manifestano in periodi di transizione particolarmente delicati quali l'adolescenza, l'inizio o la fine degli studi, il cambio di città, il matrimonio, il divorzio, un lutto, tutti cambiamenti che il soggetto vive in maniera difficoltosa e sproporzionata rispetto alla reale entità dell'evento e che lo portano, entro 3-4 mesi dal fattore scatenante, a manifestare sintomi di ansia depressiva.

Ansia depressiva: disturbo temporaneo o cronico.

In molti casi il disturbo può essere temporaneo, ed i sintomi possono rientrare in modo naturale nell'arco di 6-7mesi. Se invece il disturbo permane dopo questo arco di tempo deve essere considerato cronico, motivo per cui può essere utile richiedere l'aiuto di un medico specializzato che individui il problema ed indichi una terapia adatta a sconfiggere l'ansia depressiva del disturbo di adattamento.




Torna su
Condividi su Facebook
"Ansia depressiva"

Diventa Fan

include file=$the_template."/sidebar_modules/adsdfp.tpl"