Albume d'uovo.

L’albume d’uovo è un alimento molto magro e ricco di proteine ed è per questo invece dagli appassionati di sport ed in particolare di body building per lo sviluppo muscolare. Esso, infatti, ha proprietà nutritive eccellenti: è costituito per la maggior parte da acqua, contiene un elevata percentuale di proteine complete di tutti gli aminoacidi essenziali, sali minerali e glucosio.

Albume d'uovo

    Indice Articolo:

  1. Cos’è?
  2. Come assumerlo?
  3. Le proteine e l'albume
  4. I molteplici benefici dell'albume d'uovo
  5. Controindicazioni ed effetti collaterali
  6. Approfondimenti

Vista la sua composizione l'albume d'uovo può essere consumato senza particolari controindicazioni e non fa male. È importante però che non sia mangiato a crudo: può contenere batteri responsabili di gravi malattie come la salmonella, e contiene l’avidina, una sostanza che impedisce l’assorbimento della vitamina H. Meglio consumare l’albume cotto, oppure pastorizzato, o liofilizzato. L’elevato apporto proteico dell’albume fa sì che esso possa essere assimilato tra i cosiddetti alimenti muscolo-costruttori, e infatti è utilizzato soprattutto dagli sportivi per rafforzare i muscoli, ma è egualmente utile per la sua azione antinfiammatoria, sia come impacco per ridare vigore e luce a i capelli.Cominciamo con l’ilustrare i valori nutrizionali di questo alimento.

Valori nutrizionali.

acqua circa il 65 %
proteine circa il 12 %
minerali 11%(magnesio, sodio, potassio),
grassi 11%


Le proteine contenute nell’uovo sono ricche di tutti gli aminoacidi essenziali ed anche la quantità e la qualità dei minerali e delle vitamine è piuttosto varia e completa, le uova infatti contengono vitamina A, B6, B12, D, acido folico, calcio, ferro, potassio e colina.

Albume d’uovo: cos'è?

L’albume è la parte bianca dell’uovo, che racchiude la parte rossa, cioè il tuorlo. Ma cos’è ed a cosa serve? Da un punto di vista biologico, la funzione dell’albume è proprio quella di protezione del tuorlo, evitandone la contaminazione batterica. Dal punto di vista alimentare, se il tuorlo è la parte “grassa” dell’uovo, l’albume ne è invece la parte “magra”. Queste due parti dell’uovo infatti, oltre ad essere facilmente separabili contengono anche principi nutritivi molto diversi tra loro.

Un tuorlo d’uovo apporta in media 60 calorie, al suo interno oltre alla metà del contenuto proteico dell’uovo, quindi circa il 6%, vi sono gran parte delle vitamine come la A, la D e la E, tutta la colina e cosa più importante tutto il grasso e tutto il colesterolo.

Questo vuol dire che l’albume, il cui apporto calorico è all’incirca di 15 calorie, è praticamente privo di grassi e colesterolo ed è pertanto possibile inserirlo anche all’interno delle diete dimagranti visto che ha dei valori nutrizionali ed una composizione perfettamente compatibile con un regime alimentare ipocalorico.

Come cucinarlo e mangiarlo.

Abbiamo visto quali sono le caratteristiche naturali dell’albume d’uovo, vediamo adesso come conviene cucinarlo e mangiarlo per godere al massimo delle sue proprietà ed in quali forme viene commercializzato questo alimento.

  • Crudo: l’assunzione dell’albume d’uovo crudo è altamente sconsigliata. Innanzitutto per problemi di digeribilità: mentre il tuorlo crudo è più digeribile, non è così per l’albume, che necessita della cottura per essere assorbito più rapidamente a livello intestinale. Inoltre, la cottura neutralizza l’avidina, una sostanza che, se assunta a crudo, impedisce l’assorbimento della vitamina H. In ogni caso, come per la maggior parte degli alimenti, anche per quanto riguarda le uova è sempre meglio cuocerle prima di mangiarle: le alte temperature uccidono eventuali batteri e si annulla il rischio di contrarre infezioni come la salmonellosi.
  • Cotto: ci sono diversi modi per cuocere l’albume. Cominciamo da quelli che comportano la cottura anche del tuorlo, che può essere comunque eliminato a cottura ultimata. L’uovo viene principalmente cotto: in padella, quello che viene definito l’uovo a “ occhio di bue”, in cui il tuorlo si posiziona al centro e l’albume vi si sparge intorno; alla coque, cioè cuocendolo per qualche minuto in un tegamino con acqua bollente; sodo, anche in questo caso immerso in acqua bollente ma cotto per circa dieci minuti. L’albume, e le uova in generale, sono uno dei pochi alimenti che non possono essere cotti nel forno a microonde, in quanto la pressione che si crea al suo interno farebbe disintegrare il guscio. Tuttavia in commercio sono reperibili degli appositi strumenti nei quali le uova vanno inserite prima di metterle nel microonde; funzionando da guscio protettivo, essi permettono di cucinare un uovo al microonde, sia sodo che alla coque, in pochi minuti. Laddove si scelga di consumare l’albume d’uovo unitamente al tuorlo è bene limitare il consumo di uova a un paio la settimana; se invece si consuma l’albume cotto singolarmente non c’è una quantità limite di consumo, può essere tranquillamente assunto anche tutti i giorni ad esempio a colazione. Basta separare albume e tuorlo prima della cottura per fare ad esempio delle frittate di bianco d’uovo e degli albumi strapazzati.

Ricetta Frittata di asparagi con albume.

Ingredienti per 4 persone:
  • uova solo albume
  • 150 gr asparagi
  • sale
Procedimento:
  • Lessare gli asparagi dopo averli puliti in acqua calda e sale
  • Scolarli e tagliarli apezzettini quindi saltarli in padella per ascigura l’acqua.
  • Separare l’albume dai tuorili e sbatterli con il sale.
  • Unire gli spinaci ed amalgamare il tutto.
  • Versare in una padella antiaderente e far cuore da ambo i lati girandola con un coperchio.
  • Mettere la frittata in un piatto da portata e consumare calda.
  • Pastorizzato: la pastorizzazione è un processo che attraverso le alte temperature uccide tutti i batteri presenti negli alimenti e di fatto ne prolunga la scadenza. L’albume può essere sottoposto a pastorizzazione; dopo tale processo, esso assume una consistenza liquida e biancastra, perdendo la densità che ha all’interno dell’uovo vero e proprio. Viene quindi commercializzato in pratici contenitori simili alle buste del latte. Questa soluzione è molto pratica, perché permette da un lato di avere l’albume sempre pronto in frigorifero, senza doversi occupare di separarlo dal tuorlo; dall’altro lato permette di consumare l’albume anche a crudo, in quanto l’alta temperatura ha sia ucciso gli eventuali batteri, sia neutralizzato l’avidina, per cui la digeribilità è identica a quella dell’albume cotto. L’albume pastorizzato può essere assunto tutte le volte che si vuole, nella quantità che si preferisce.
  • Liofilizzato: la liofilizzazione è un processo che elimina l’acqua da qualunque sostanza organica, lasciando di fatto immutate le proprietà della sostanza stessa. Anche l’albume d’uovo può essere sottoposto a liofilizzazione, e in questo caso si presenta sotto forma di polvere biancastra, commercializzata in pratiche buste. In questo caso esso deve essere assunto mescolato con latte o acqua. Inoltre prima di essere commercializzato l’albume in polvere deve essere sottoposto a tutti i controlli che ne certifichino l’assenza di contaminazione batterica, per cui anche questa modalità di assunzione è abbastanza sicura dal punto di vista alimentare. L’albume in polvere può essere assunto fino a tre volte al giorno, lontano dai pasti.

Le proteine dell’albume d’uovo.

Le numerose proprietà dell’albume d’uovo sono interamente legate al suo apporto proteico, in quanto sono le proteine che rendono l’albume così importante dal punto di vista nutritivo. Esse dopo l’assimilazione vengono scinte in aminoacidi essenziali, in primis l’arginina, che vengono assorbite singolarmente. L’uso principale dell’albume è quello alimentare, in quanto le proteine lo rendono particolarmente indicato nelle diete degli sportivi, o in quelle dimagranti visto che è povero di calorie;

  • Per aumentare la massa muscolare: le proteine contenute all’interno dell’albume d’uovo lo rendono un alimento fondamentale nella dieta degli sportivi. Esse sono molto utili in particolare agli atleti che svolgono attività anaerobiche, come il sollevamento pesi o il body-building in genere, in quanto aiutano il muscolo nel suo processo di costruzione; per questo l’albume è considerato uno dei cosiddetti alimenti muscolo-costruttori. La proteina principale dell’albume è l’albumina, che svolge la funzione di rafforzamento del muscolo, ed è preferibile alle altre tipologie di proteine in quanto, di tutta la quantità assunta, quasi il totale viene assorbito dall’organismo. A differenza di quanto si possa pensare, affinché l’albume faccia effetto non è necessario assumerlo subito prima di svolgere l’attività sportiva; anzi, sarebbe più opportuno assumerlo qualche ora prima per dare all’organismo il tempo di digerirlo e di assimilarlo. In genere gli sportivi lo inseriscono nella dieta assumendolo diverse volte al giorno, di cui la prima a colazione, e poi le altre distribuite durante l’arco della giornata.
Leggi anche: Esempio di menù settimanale di una dieta proteica tipo.

I benefici dell’albume d’uovo.

Come abbiamo visto gran parte delle proprietà benefiche del bianco d’uovo sono legate al suo apporto proteico, oltre che in campo alimentare queste possono essere sfruttate anche per l’azione antinfiammatoria e come un’ottima alternativa cosmetica alle maschere per capelli.

  • Come antiinfiammatorio: gli albumi svolgono una funzione antiinfiammatoria grazie alla presenza delle proteine ovomucoidi. Esse agiscono riducendo l’infiammazione dei muscoli, e pertanto sono molto utili in caso di distorsioni o bruciori legati a sforzi eccessivi. In questo caso l’albume non va assunto tramite l’alimentazione, ma si preparano degli impacchi da spalmare sulla parte interessata. La ricetta più comune e più semplice da realizzare prevede la sbattitura dell’albume insieme alla farina, fino a formare una pappetta da lasciare in posa tutta la notte, avvolgendo la parte interessata nella carta pellicola trasparente. È importante che l’indomani mattina il composto abbia assunto una consistenza dura, quasi solida: questo vuol dire che il rimedio sta facendo effetto. Gli impacchi devono essere ripetuti fino a quando il composto non solidificherà più durante la notte, in quanto questo sarà indice che l’infiammazione è passata.

Scopri gli alimenti che hanno proprietà antinfiammatorie naturali e perchè questi cibi fanno bene.

  • Come impacco per i capelli: ben pochi sanno che l’albume è un valido alleato delle donne anche in campo cosmetico. In particolare, l’albume può essere utilizzato per avere capelli più forti e lucenti grazie alla vitamina B in esso contenuta e alle sue proprietà antibatteriche. È importante però che l’albume sia utilizzato solo in caso di capelli grassi; se i capelli sono normali, è bene utilizzare l’uovo intero, mentre se sono secchi è preferibile usare solo il tuorlo, in quanto più ricco di grassi e sostanze nutritive. Per fare un impacco è sufficiente separare l’albume dal tuorlo e sbatterlo; va lasciato in posa per circa mezz’ora, e poi va eliminato attraverso uno shampoo accurato. Questa “maschera di bellezza” può essere ripetuta anche due volte al mese. Se si vuole potenziare l’azione dell’albume lo si può assumere anche tramite l’alimentazione, in quanto aumentano in questo modo l’apporto e l’assimilabilità della vitamina B, che va a rafforzare i bulbi capillari dall’interno.

Scopri i mille benefici dell'uovo per la cura dei capelli.

Fa male? Vi sono controindicazioni?

A differenza di quanto accade per il tuorlo, l’assunzione dell’albume non presenta particolari controindicazioni. Mentre infatti il tuorlo è molto ricco di grassi che possono danneggiare chi soffre di ipercolesterolemia, l’albume non fa male, è molto magro, per cui si presta ad essere inserito in qualunque tipologia di dieta. Possono assumere l’albume d’uovo anche le donne in gravidanza, ovviamente senza abusarne; per loro sarebbe opportuno mangiare anche il tuorlo, ricco di acido folico, essenziale per la corretta crescita del feto.




Indice Articolo:
Condividi su Google+ Condividi su Facebook

Articoli Popolari: